Narrativa di argomento mitologico

Fiabe siciliane. Dalla raccolta di Giuseppe Pitrè

Amelia Crisantino

Libro

editore: Di Girolamo

anno edizione: 2016

pagine: 320

A lungo l'etnologo Giuseppe Pitrè lavorò per raccogliere il "prezioso tesoro del popolo siciliano" e nel 1875 pubblicò le Fiabe, novelle e racconti in quattro volumi. Tanta fatica non fu compresa. Un indignato disprezzo accolse la pubblicazione, la "Gazzetta di Palermo" scrisse che si trattava di "quattro volumi di porcherie". Solo lontano dalla Sicilia le Fiabe furono apprezzate. Oggi sono cadute nell'oblio, ma custodiscono un nucleo identitario davvero prezioso in un'epoca globalizzata che tutto appiattisce. Amelia Crisantino ha scelto le più belle: le ha tradotte dal dialetto di metà '800, ha tolto le incrostazioni di un dettato linguistico non più praticato e spesso di ardua comprensione, rendendole di nuovo godibili.
12,00 11,40

Fiabe danesi

Libro

editore: Iperborea

anno edizione: 2015

pagine: 216

C'era una volta una principessa trasformata in cervo che tornava a essere donna ogni notte di Natale, c'era un giovane in cerca di fortuna finito al servizio di un malvagio troll, c'era un povero pastore che trovò un borsellino capace di sborsare monete all'infinito, e poi c'era una tovaglia che si imbandiva da sola. Sono le meraviglie delle fiabe a rivivere in questa antologia, un mondo di possibilità sconfinate in cui la realtà quotidiana di re e contadini, locande e foreste si popola di draghi, animali parlanti, streghe e folletti, si colora di magie, metamorfosi e prove da superare. La saggezza popolare, l'eterna tensione verso l'amore e la felicità, e il piacere di raccontare e abbandonarsi alla fantasia animano queste fiabe tratte dalle prime raccolte scritte dell'Ottocento, quando la tradizione orale andava scomparendo e anche la Danimarca, sulla scia dei fratelli Grimm, riscopriva questo prezioso patrimonio narrativo, molte fiabe contengono le versioni origi nali di storie che hanno continuato ad affascinare e ispirare scrittori fino a diventare dei classici e ricomparire anche nei libri di Andersen.
16,00 15,20

Fiabe e leggende della Dalmazia

Giacomo Scotti

Libro: Copertina morbida

editore: Santi Quaranta

anno edizione: 2015

pagine: 173

"La Dalmazia è terra solare e attraente, rocciosa e adriatica, punteggiata da miriadi di isole piccole e grandi tra cui spiccano le Incoronate; ha alle spalle però aspre catene di monti attraversate da limpidi fiumi, e dalle quali sgorga una bora gagliarda e anche furiosa. Questo piccolo continente luminoso è amato da tutti, apertamente. Giacomo Scotti vi ha intessuto un lungo canto d'amore, ammaliante e radioso, con tappe volanti e fisse; bivacchi e rifugi, altipiani e forcelle; ha scavalcato la Montagna delle Fate, è giunto alla Roccia delle Aquile; ha vagato incontrando le Sirene, nel mare cristallino e verde smeraldo che sta di fronte alla terraferma dalmata. È penetrato, perfino, nell'antro della 'strega che si ciba d'aria nera'; ha camminato argutamente con San Pietro, ha partecipato come un cavaliere antico alla lunga battaglia di re, principi e draghi contro l'Uomo d'Acciaio".
13,00 12,35

Il mio nome è Nessuno. Volume 3

Valerio Massimo Manfredi

Libro: Copertina morbida

editore: Mondadori

anno edizione: 2014

pagine: 353

Atene, 17 novembre 1973. Un eminente archeologo muore misteriosamente subito dopo aver ritrovato il vaso d'oro dell'indovino Tiresia. Poche ore più tardi, mentre scoppiano i disordini di Piazza del Politecnico, una giovane e bella studentessa viene catturata, stuprata e uccisa dalla polizia sotto gli occhi del fidanzato, Claudio Setti. Dieci anni dopo, una catena di efferati delitti sconvolge la Grecia. Riti annunciati da oscure profezie. Omicidi senza spiegazione per chi non abbia vissuto i giorni della rivolta studentesca e non conosca il segreto del vaso di Tiresia, sul quale era raffigurata la profezia riguardante l'ultimo viaggio di Ulisse: una seconda odissea durante la quale l'eroe omerico sarebbe arrivato fino alla fine del mondo, a interrogare il misterioso "oracolo dei morti"...
13,00 12,35

Favole egizie

Boris De Rachewiltz

Libro: Copertina rigida

editore: Terra di Mezzo

anno edizione: 2014

pagine: 192

20,00 19,00

Storie e leggende nella valle dell'Arno

Fulvio Bernacchioni, Laura Bonecchi

Libro: Copertina morbida

editore: Settore 8

anno edizione: 2009

14,00 13,30

Ka

Roberto Calasso

Libro: Copertina morbida

editore: Adelphi

anno edizione: 2002

pagine: 532

18,00 17,10

Passavamo sulla terra leggeri

Sergio Atzeni

Libro

editore: Ilisso

anno edizione: 2000

pagine: 208

11,00 10,45

Antiche fiabe russe

Libro

editore: Einaudi

anno edizione: 1997

80,00 76,00

Passavamo sulla terra leggeri

Sergio Atzeni

Libro: Copertina morbida

editore: Sellerio Editore Palermo

anno edizione: 2023

pagine: 272

«Non sapevo nulla della vita. Antonio Setzu raccontò la storia e quel che seppi era troppo. Dimenticai per trentaquattro anni. Ora ricordo, parola per parola». Questo romanzo epico e visionario che vuole perpetuare in modo figurato la storia dei Sardi ha due protagonisti: colui che racconta a voce tramandando una tradizione orale, e il narratore che trascrive le parole e riflette contemporaneamente la propria formazione, l'acquisizione di una personale identità come plasmata dall'epopea del suo popolo. S'ard nell'antica lingua significa «danzatori e lettori delle stelle». Un popolo pacifico, la sua origine si situa in una lingua di terra tra due fiumi (allusione, mitica e interpretativa, alla Mesopotamia). Poi la deportazione da parte di «barbari» popoli del mare, la schiavitù, la rivolta e la fuga avventurosa, e l'approdo nell'isola, a cui è dato per la prima volta il nome. Da qui inizia la costruzione della sua civiltà originale. La vicenda generale, «dei millenni di isolamento tra bronzetti e nuraghe», è tramandata intessendola senza sosta di peripezie di donne uomini ed eroi, di cronache di fatti quotidiani, di passaggi di stranieri e stranezze, di battesimi di luoghi e di oggetti, di nascite di riti e arti, di cose memorabili e miti suggestivi. Un'età felice culminante nell'era dei «giudici», i sovrani ereditari - fin dal primo di essi, una donna - dell'autonomia della Sardegna caratterizzata da forme di partecipazione popolare. E una data segna il termine della storia maggiore e delle vicissitudini qui raccontate: il 1409, la fine dell'indipendenza dell'Isola e la conquista aragonese. L'ambizione di Sergio Atzeni, amatissimo scrittore morto ancora giovane (e antropologo, storico delle culture, aedo, cacciatore di storie inattuali), era di raccontare tutta la sua Sardegna e la sua storia millenaria, non attraverso un romanzo storico, ma in una narrazione che fosse eco della sua storia, come appunto nella tradizione orale. Così questo suo ultimo libro ha la singolarità di essere una storia della autocoscienza di un popolo, che «ha la presa di un romanzo d'avventura» (Marcello Fois nell'Introduzione).
14,00

Diaulibus andaribus... e altri racconti

Paolo Paron

Libro: Copertina morbida

editore: L'Arco e la Corte (Bari)

anno edizione: 2023

pagine: 270

Questa raccolta di scritti vuole introdurre il lettore nel magico mondo della tradizione orale, composto da narrazioni, racconti di vita, leggende con significati e riferimenti che meritano approfondimenti e riflessioni. Molti di questi racconti sono ricordi e testimonianze che giungono da tempi remoti e da persone che non ci sono più. "L'Albero di vetro" ad esempio è un dono graditissimo giunto da nonna Jolanda, scritto di suo pugno e riportato esattamente come lei ce lo ha mandato. "Diaulibus andaribus", "Il Censimento", "Il Maglioncino di Natale", "Le galline di San Pietro", "La vecchia e la croce" e molti altri sono racconti ancora inediti di Elio Craighero, un grande narratore di Treppo Carnico, altri ancora come "Ricordi", "Una memorabile vacanza", "I tre giorni della Merla", "Nonna Lucia" e "La leggenda del Vecchio Ciliegio" sono suggestioni personali dell'autore o ritocchi a storie che non erano complete e mancavano del nervo necessario per essere raccontate. Altre ancora come "La Ledròsega" e il "Gomitolo dell'Agana" sono famose e note nelle Dolomiti friulane, ma sono quasi sconosciute in altre zone del Friuli. La tradizione orale è ricca di storie e narrazioni che contengono insegnamenti e significati molto interessanti e questa raccolta vuole essere un invito a raccogliere, trascrivere, registrare quello che i nonni raccontano perché come racconta l'Edda Poetica: "...escon savi detti da rugosi cuoi".
20,00
Costa delle Immortali

Costa delle Immortali

Francesca Chiesa

Libro: Copertina morbida

editore: StreetLib

anno edizione: 2023

Le donne di Massawa sono immortali e immortali sono gli uomini che loro amano. Pochi, una manciata e quasi sempre inconsapevoli. Fatma esiste, io l'ho incontrata vestita di rosso: le rughe sul suo viso raccontano di tutti gli amori che l'hanno tenuta in vita e dell'unico che se n'è andato. Un greco. Tahereh è una di quelle che riescono a salvarsi la vita scrivendo e scrive di Hum?y. Per dimenticare uno strano vagabondo che non si è innamorato di lei. Lei, Hum?y, è un'altra cosa: nata per essere regina dell'Ir?n, rifiuta di essere madre ma non può impedirsi di amare.
10,99