Il tuo browser non supporta JavaScript!
Iscriviti alla newsletter

Libri di Enrico Vaime

Si metta per un attimo nelle mie penne...

Franco Venanti, Enrico Vaime, Francobaldo Chiocci

Libro: Copertina rigida

editore: FUTURA (PERUGIA)

anno edizione: 2006

pagine: 112

100,00 95,00

I sogni nel cassetto se li mangiano le tarme

Enrico Vaime

Libro: Copertina morbida

editore: COMPAGNIA EDITORIALE ALIBERTI

anno edizione: 2016

pagine: 234

Enrico Vaime è il maestro riconosciuto della grande comicità "all'italiana", fedele alla lezione dei grandi autori e dei grandi attori - da Marcello Marchesi a Totò - maturata alla scuola del teatro, del varietà e delle belle stagioni della televisione che fu. Il pubblico dei suoi lettori gli è ormai affezionatissimo, e aspetta i suoi libri come sempre si attendono le nuove prove dei grandi umoristi: quasi come una necessità, per rendere migliore, con due risate "di classe", la qualità della propria vita quotidiana. Anche questo nuovo romanzo non li deluderà. Scopriranno un Vaime finalmente "ottimista", propenso al cosiddetto pensiero positivo: non rimandare a domani quello che potresti fare oggi, non crogiolarti nel rimpianto di un passato che non tornerà. Vivi il presente, accontentati dei sogni possibili con la consapevolezza oraziana che tutto fugge e che, se non provi a realizzarli, i sogni nel cassetto se li mangiano le tarme.
18,00

Gli amori finiscono, non preoccupatevi. Duecento42 aforismi, circa

Enrico Vaime

Libro: Copertina morbida

editore: COMPAGNIA EDITORIALE ALIBERTI

anno edizione: 2015

pagine: 254

"Sì, perché qui parliamo di Vaime, signore e signori: Enrico Vaime, esattamente! non pizza e fichi. Un uomo che fumava in balcone insieme a Ennio Flaiano dopo aver fatto gioire e arroventare i tasti della loro Olivetti. Io, un uomo così, sul comodino me lo terrei. Leggerei un aforismo... un aforisma ... (ma quale diavolo di singolare ...?) un paio di aforismi a sera, come fosse una specie di rosario, una tisana benefica, e mi addormenterei col sorriso sulle labbra. E voi?" (Neri Marcorè)
10,00

Il meglio è passato. Il senso della storia e il senso del ridicolo

Enrico Vaime

Libro: Copertina rigida

editore: Wingsbert House

anno edizione: 2014

pagine: 182

Una cavalcata negli anni dall'ultimo dopoguerra ai giorni nostri: l'inventario delle occasioni mancate, le illusioni, le attese, i buoni (e medi) propositi della nostra società in cerca di sogni (e a volte di alibi). Ammiccare è più facile che capire e noi siamo campioni dell'ammicco, del "poi ti spiego", della fiducia nello stellone nazionale, piuttosto che nella programmazione, così ostica per noi latini, facondi improvvisatori più portati alla battuta che alla riflessione. Troviamo più facilmente "battute" che soluzioni. E a quelle "trovate ad effetto" è dedicato questo manuale che dovrebbe ricordarci (con l'affettuosa tolleranza spesso simile alla connivenza) come quello dei propositi è il settore a noi più congeniale: noi bravi all'orale, noi spesso allegri e piacioni, o anche al contrario, commoventi protagonisti di ingiustizie storiche provocate, a nostro parere, più dal fato avverso che dall'allegra improntitudine così presente nel nostro DNA. Tutto il meglio del peggio e viceversa. Un campionario del "detto" e non del "fatto". Esposto con la serenità di chi non sa perdere, e neanche vincere.
10,00

Cin cin. Bere troppo fa male. Non bere per niente, a volte, fa peggio

Enrico Vaime

Libro: Copertina morbida

editore: Wingsbert House

anno edizione: 2014

pagine: 96

10,00

Il mio Flaiano. Un satiro malinconico

Enrico Vaime, Licio Di Biase

Libro: Copertina morbida

editore: COMPAGNIA EDITORIALE ALIBERTI

anno edizione: 2018

pagine: 110

Ennio Flaiano ha caratterizzato da protagonista la cultura della seconda metà del Novecento italiano. Nato a Pescara, trasferito in gioventù a Roma, si è ben presto distinto nei giornali più importanti della Capitale. Dal mondo dei giornali il passo a quello della Dolce Vita fu breve. A partire dal film omonimo, ha firmato le sceneggiature dei più importanti film di Federico Fellini. Nonostante la frequentazione del mondo del cinema, è sempre rimasto un uomo proverbialmente schivo, riservato, di un'intelligenza unica e affilatissima, acuto osservatore della realtà degli anni '50 e '60, in cui con i suoi aforismi dava giudizi taglienti e spesso definitivi. Enrico Vaime fu stretto collaboratore di Flaiano in gioventù. In questo libro-intervista con Licio Di Biase, studioso della storia di Pescara e dei suoi personaggi, ripercorre la vita di questo atipico, indimenticabile personaggio della cultura italiana regalandoci un ritratto inedito e ricco di preziose notazioni.
13,50

La misticanza

Enrico Vaime

Libro: Copertina morbida

editore: Imprimatur

anno edizione: 2013

pagine: 196

Una raccolta di aforismi irriverente, sarcastica, ma anche malinconica e passionale, di Enrico Vaime. Un "pensare breve" che porta sempre sorprese, con quella capacità unica, appresa da un grande maestro come Ennio Flaiano, di rovesciare le situazioni più drammatiche per renderle esilaranti. Un divertimento intellettuale che tiene insieme buona scrittura e battute fulminanti, un intrattenimento letterario giocato sul filo dell'umorismo e dell'arguzia dell'autore teatrale e radiotelevisivo.
12,50

Gente perbene. Quasi un'autobiografia

Enrico Vaime

Libro: Copertina morbida

editore: RIZZOLI

anno edizione: 2012

pagine: 127

Il Borgo Bello non era un brutto posto dove crescere, con l'aria buona della campagna a due passi, ma anche quella più fine di città. E se i vicini non erano proprio tipi comuni, di certo erano tutta gente perbene, vere colonne di una provincia uscita dalla guerra un po' ammaccata, ma decisa a ripartire. Erano gli anni Quaranta, e a lui che ci era nato il Borgo Bello pareva bello sul serio, con i suoi eleganti quattro "villini" e il barometro tirolese che diceva il tempo, con l'omino e la donnina a fare cucù. Poi con gli anni si cambia, si cresce e arrivano i primi dubbi. Così quella "gente perbene" che si dava per scontata inizia a mostrare una facciata diversa, incrinata da crepe sottili che mostrano quello che c'è sotto. Tra eccentrici periti chimici, signore che si attribuiscono titoli nobiliari abusivi, vecchi fasci estroversi, preti petomani e giovani cameriere dall'inesauribile spirito di iniziativa, una storia di formazione delicata ed esilarante, ritratto di un'Italia che mette ancora allegria.
14,00

Amici veri

Enrico Vaime, Roberto Corradi

Libro: Copertina rigida

editore: Imprimatur

anno edizione: 2013

pagine: 160

Un uomo, Enrico Vaime. Un cane Josè. Un grande amore. Un incontro e una storia intensa, disincantata e ironica, fra aneddoti memorabili e detti cinici o strazianti. Intorno a Josè, c'è una società italiana che guarda attonita se stessa, la sua cultura e il suo modo di essere. L'irruente dolcezza di Josè diventa per Vaime il modo migliore per raccontare un Paese che sembra cadere a pezzi e ricordare episodi celebri, personaggi indimenticabili e racconti epici di un'Italia ormai passata. Per guardare in modo diverso alle cose, e irridere insieme a lui i suoi vizi e le sue virtù.
16,00

Pizzi e nastrini

Franco Venanti, Enrico Vaime

Libro

editore: Guerra Edizioni

anno edizione: 2015

pagine: 60

24,00

Santi, poeti, naviganti, evasori e badanti

Enrico Vaime

Libro: Copertina rigida

editore: ALIBERTI

anno edizione: 2010

pagine: 317

Con la pubblicazione di "Quando la rucola non c'era", "I cretini non sono più quelli di una volta" e "Anche a costo di mentire" in un'unica edizione, i diari di memorie di Enrico Vaime per Aliberti assurgono finalmente al rango di trilogia. Senza scomodare gli illustri precedenti della letteratura italiana, da Goldoni a Calvino questa vaimiana è davvero una trilogia. Prima di tutto per l'oggettivo ordine di sequenza cronologica che le tre "puntate" dell'autobiografia dispiegano al lettore. Si comincia dalla ormai celebre rucola, che ai tempi del Vaime ragazzo "non c'era, o magari non c'era dappertutto come adesso". Si giunge, attraversando il confronto col padre, la naia e i casini (in senso edilizio), al fatidico I960: l'età del "boom", che per il giovane Vaime coincide col personale exploit dell'entrata in Rai. A questo punto, la Recherche vaimiana scivola, dondolandosi fra pubblico e privato, lungo il decennio che porterà dritto al Sessantotto. E si approda così agli anni Ottanta: vero sfondo paesaggistico del terzo volume, Anche a costo di mentire, in cui campeggia, sul piano storico e su quello simbolico, il grande totem della televisione commerciale. È tutto un salto, in avanti e all'indietro, fra vita e memoria. Così, alla fine, si compie il destino tipico di ogni trilogia: quello, cioè, di essere in fondo un unico grande racconto.
18,00

Era ormai domani, quasi

Enrico Vaime

Libro: Copertina morbida

editore: ALIBERTI

anno edizione: 2010

pagine: 106

Perugia inizio anni Cinquanta. In una domenica d'agosto dal caldo estenuante, un uomo viene trovato riverso in casa con una corda al collo. Tutti nel rione lo conoscevano come "il Sor Aldo", un personaggio dalla stazza elefantina e dalla vita misteriosa. In casa, accanto al cadavere, c'è Lalla, una bella ragazza di vent'anni: ufficialmente nipote del suicida, ma più probabilmente figlia, secondo voci di rione, o addirittura serva e amante. La voce narrante è un ragazzino di quindici anni che, proprio lì, abita con la famiglia. La domenica che il Sor Aldo si uccide, lui si ritrova sulla scena del dramma, fra il cadavere ancora caldo e Lalla. Lei si sposta un ciuffo dalla fronte in un gesto di straripante sensualità, e poi gli chiede di aiutarla a fare il nodo alla cravatta del morto. Il ragazzo obbedisce; quindi esce a raccogliere fiori nel campo vicino a un manicomio: là dove una vecchia internata zompettante è solita alzarsi il camicione all'altezza del ventre davanti ai passanti, e urlare: "Voi vede' la passera?" Quella sera stessa, di ritorno dai campi, fra il ragazzo quindicenne ignaro alla vita e la sensuale Lalla inizierà un delicato dialogo dei sensi. Un approccio inizialmente giocato sul lieve filo dei gesti allusivi e delle mezze parole; una seduzione fatta di carnalità tenue e allo stesso tempo tenace.
11,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.