Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Paolo Gaspari

L'ultima carica verso il Paradiso. Cavalleggeri e bersaglieri il 4 novembre 1918 a Paradiso di Pocenia

Paolo Gaspari, Paolo Pozzato, Paolo Volpato

Libro: Copertina morbida

editore: GASPARI

anno edizione: 2018

pagine: 48

Il racconto dell'ultimo combattimento della guerra svoltosi nella pianura friulana a Paradiso di Pocenia il 4 novembre, pochi minuti prima della sospensione delle ostilità stabilita nell'armistizio di Villa Giusti. I Cavalleggeri di Aquila e i bersaglieri dell'8° nel tentativo di raggiungere almeno il vecchio confine furono falciati dai mitraglieri ungheresi del 106° reggimento del colonnello Lehar. L'ultima medaglia d'oro della guerra andò a un diciottenne, comandante degli arditi, Alberto Riva di Villasanta, che riposa con suo padre, caduto nel 1916, a Redipuglia.
15,00 14,25

Generali italiani della grande guerra. Atlante biografico (I). Vol. 2: C-Z

Paolo Gaspari, Paolo Pozzato, Ferdinando Scala

Libro: Copertina morbida

editore: GASPARI

anno edizione: 2019

pagine: 560

Il volume conclusivo delle biografie degli oltre 600 generali della prima guerra mondiale, con la foto e la bibliografia di ciascuno, copre una profonda lacuna della storiografia italiana.
39,00 37,05

L'insegnamento della storia. Strumento per la formazione dei cittadini

Paolo Gaspari, Paolo Pozzato, Fabio Bertini, Lisa Bregantin, Giuseppe Ricuperati

Libro: Copertina morbida

editore: GASPARI

anno edizione: 2019

pagine: 111

Prefazione di Maria D'Arconte.
12,00 11,40

Preti in battaglia. Vol. 3: Fronte alpino, fronte dell'Isonzo, Cappellani di Marina e caduti. 1916-1917

Paolo Gaspari

Libro: Copertina morbida

editore: GASPARI

anno edizione: 2019

pagine: 110

I cappellani militari sono stati una componente fondamentale della coesione dei reparti e della condivisione dei cattolici alla condotta della guerra vittoriosa che, secondo le motivazioni dell'epoca, completava il Risorgimento e l'unità di tutti gli italiani. Questo terzo volume racconta e illustra con centinaia di foto e mappe i combattimenti in cui questi giovani ventenni appena usciti dai seminari o dai conventi compirono azioni temerarie, salvando vite di fanti e alpini, bersaglieri e marinai. Prefazione di Santo Marcianò.
29,00 27,55

Lo spionaggio italiano nel 1918

Paolo Gaspari, Lorenzo Cadeddu

Libro: Copertina morbida

editore: GASPARI

anno edizione: 2019

pagine: 96

Pochi conoscono le avventure degli italiani paracadutati o arrivati via mare nelle terre invase del Friuli e del Veneto per svolgere l'attività spionistica. Romiati, Tandura, i fratelli Carli, De Carlo, Lorenzetti, d'Attimis, di Montegnacco, Barnaba e una decina d'altri informatori che a costo della vita permisero agli Stati Maggiori di avere precise informazioni grazie alle quali l'Italia vinse la Prima guerra mondiale.
22,00 20,90

Arditi, cavalieri e fanti epopea battaglia del solstizio

Paolo Gaspari, Giacomo Bollini

Libro: Copertina morbida

editore: GASPARI

anno edizione: 2018

pagine: 159

Nell'estate del 1918, incoraggiata dal successo di Caporetto, Vienna tentò il tutto per tutto, ma sul Piave le armate italiane si erano ben riorganizzate e arrestarono l'esercito asburgico. L'offensiva fu bloccata in pochi giorni, anche grazie ai «ragazzi del '99». Questo è il libro che racconta la battaglia del Solstizio per il lettore di oggi, con aneddoti, personaggi e mappe che lo rendono semplice e "narrato" come fosse la sceneggiatura di un film.
13,50 12,83

Preti in battaglia. Vol. 2: Tra apostolato e amor di patria. I cappellani miliari decorati 1916

Paolo Gaspari

Libro: Copertina morbida

editore: GASPARI

anno edizione: 2019

pagine: 96

"Spesso si pensa che lo stato di vita sacerdotale sottragga dalla storia. Si ritiene che servire Dio nella Sua Chiesa significhi, in qualche modo, deresponsabilizzarsi rispetto alle problematiche del mondo attuale. Si pensa ai sacerdoti come uomini da sacrestia, ai religiosi come esseri chiusi in un convento, ai contemplativi come persone avulse dalla società, isolate dal mondo, concentrate su uno spiritualismo lontano dall'umanità...", scrive monsignor Santo Marcianò nella Prefazione, nella Grande Guerra accadde infatti che questi giovani cappellani militari diventarono uno degli elementi fondamentali sia per la coesione del reparto, e quindi per la sua sopravvivenza, che per la vittoria finale. La coesione di un reparto, base di qualsiasi successo nonché di sopravvivenza in situazioni estreme, dipendeva da un complesso di fattori, il più importante dei quali era senz'altro l'aggregazione di gruppo, a più livelli, che dal piccolo gruppo informale sale a una identificazione nel battaglione o nel reggimento e, come sottolinea Giorgio Rochat, "con un certo grado di provocazione, si può dire che un esercito per funzionare ha bisogno di amore, non come sesso, ma come capacità di rapporti umani intensi e affettivi tra eguali, ma anche tra superiori e inferiori". Questa considerazione di Rochat sui sentimenti di amore, di amicizia. di condivisione profonda generata da rapporti umani intensi tra eguali e tra superiori e inferiori in situazioni così fuori dalla norma ed estreme come furono quelle della Grande Guerra, va messa in correlazione con il fatto che quella guerra rappresentò il momento epico in cui si formò per la prima volta l'amalgama tra classi borghesi e classi popolari. Ecco allora che il racconto di ciò che fece Annibale Carletti di Cremona, Pietro Robotti di Alessandria, Eugenio Robbiano di Tortona, Ettore Civati di Como, padre Arcangelo Monaco di Vico del Gargano, Giovanni Folci di Varese, Ernesto Pisacane di Caserta, Giovanni Mazzoni di Arezzo, Vittorio Maini di Pavia e decine d'altri diventano altrettante manifestazioni di amore per il prossimo. La narrazione delle loro imprese e delle persone che ne beneficiarono sono punti di cristallizzazione della memoria collettiva in cui la società italiana può riconoscere sè stessa e la propria storia. E la conoscenza di sè stessi è la struttura mentale che ci permette di superare le nuove sfide che la storia non lesinerà.
20,00

La battaglia di Cividale. Il 27 ottobre 1917

Paolo Gaspari

Libro: Copertina morbida

editore: GASPARI

anno edizione: 2017

pagine: 239

Dopo la battaglia di Caporetto del 24 ottobre 1917, la battaglia di Cividale del 27 ottobre fu la più grande battaglia di quei giorni: 6 divisioni d'assalto tedesche, 60.000 uomini, contro 3 divisioni italiane composte da reclute, rimpiazzi e fanti scampati all'accerchiamento dei giorni precedenti. Con la testimonianza e gli spunti biografici di generali e colonnelli, di capitani e aspiranti ufficiali si ricostruiscono le infinite vicende con foto, mappe e schizzi.
29,00

Le bugie di Caporetto. La fine della memoria dannata

Paolo Gaspari

Libro: Copertina morbida

editore: GASPARI

anno edizione: 2017

pagine: 696

"Un buon piano d'attacco non può essere grossolano. Un buon piano deve essere precisato a regola d'arte. Carte è quella della guerra."
29,00

Rommel a Caporetto. Le gesta degli italiani e dei tedeschi tra il Kolovrat e il Matajur

Paolo Gaspari

Libro

editore: GASPARI

anno edizione: 2016

pagine: 160

Dopo "Le bugie di Caporetto", che ricostruiva lo sfondamento del 24 ottobre, in questo volume si racconta lo scontro tra tedeschi e italiani del 25 e 26 ottobre sui monti a sud di Caporetto, con le testimonianze dei generali e, soprattutto, degli ufficiali subalterni.
20,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.