Il tuo browser non supporta JavaScript!

Gedi (Gruppo Editoriale)

Micromega (2019). Vol. 5: Almanacco della scuola

AA.VV.

Libro

editore: Gedi (Gruppo Editoriale)

anno edizione: 2019

pagine: 252

È al sistema scuola nel suo complesso, tra elementi positivi e criticità, che MicroMega ha deciso di dedicare questo numero. Ad aprire l'Almanacco è l'intervento di Alessandro Barbero che traccia un quadro a 360° dei mali che affliggono la scuola, indicando qualche semplice rimedio, primo fra tutti: lasciare in pace gli insegnanti, liberandoli da scartoffie e inutili fardelli burocratici. Proprio ai docenti e a chi nella scuola lavora quotidianamente lascia la parola la prima sezione del numero: Stefania Marchetti racconta la propria esperienza alle medie, facendo un ritratto senza speranza del sistema; Christian Raimo chiarisce come la scuola può e deve tornare a essere perno di un progetto di educazione alla cittadinanza; Francesca Antonacci e Monica Guerra illustrano l'innovativo progetto pedagogico che le vede impegnate in prima linea; Carlo Scognamiglio e Onofrio Nardella descrivono pregi e difetti del sistema di inclusione scolastica; Eraldo Affinati spiega come funzionano le scuole Penny Wirton per l'insegnamento dell'italiano agli immigrati; e infine Marilù Oliva ci presenta la sua idea per una scuola superiore alternativa. Una seconda sezione del numero affronta una serie di questioni che sono - o dovrebbero essere - al centro del dibattito pubblico sulla scuola. Vera Gheno spiega come la scuola può gestire le nuove esigenze imposte dalla rivoluzione digitale; Paolo Berdini ripercorre la storia dell'edilizia scolastica in Italia e sottolinea l'importanza di una riqualificazione di questo immenso patrimonio immobiliare; Salvo Intravaia illustra alcune proposte per modificare il sistema di reclutamento degli insegnanti; Cristiano Corsini mette in luce limiti e potenzialità del sistema di valutazione Invalsi; Rossella Benedetti descrive i sistemi scolastici nel resto d'Europa; Checchino Antonini offre uno spaccato delle scuole popolari; Ismaele Calaciura Errante e Francesco Paolo Savatteri raccontano la politica studentesca dall'interno. Ma l'Almanacco non finisce qui. Ernesto Galli della Loggia e Tomaso Montanari dialogano a tutto tondo sulla scuola pubblica a partire da posizioni molto diverse che convergono solo nella critica alle recenti riforme che hanno portato all'aziendalizzazione della scuola. Girolamo De Michele e Antonio Vigilante si confrontano invece su tutte quelle novità che hanno investito la scuola negli ultimi anni e che più fanno discutere 'a sinistra': dall'alternanza scuola-lavoro alla didattica per competenze, passando per i sistemi di valutazione .Arricchiscono poi il volume il saggio di Carlo Barone e Antonio Schizzerotto sul legame tra disuguaglianze sociali e istruzione e quello di Paolo Ercolani sulla necessità di costruire una contro-narrazione pedagogica rispetto a quella imposta dal sistema tecno-finanziario che ha subordinato la scuola e più in generale la conoscenza alla logica quantitativa del commercio e del profitto monetario. Chiude il numero una sezione dedicata alle cenerentole fra le materie scolastiche, quelle cioè che rischiano di sparire o che vengono insegnate male e che invece andrebbero valorizzate. Luciano Canfora ci esorta allo studio della storia; Nicola Gardini sottolinea come il latino debba essere studiato a partire dalle elementari e anche nelle scuole tecniche; Ezio Bosso illustra i vantaggi di imparare la musica fin dalla più tenera età; Nicola Grandi ci offre qualche valido strumento per un insegnamento efficace delle lingue; Francesco 'Pancho' Pardi ci porta in giro per il mondo per farci comprendere l'importanza e la bellezza della geografia.
15,00

Parco del Pollino. Le guide ai sapori e ai piaceri

AA.VV.

Libro: Copertina morbida

editore: Gedi (Gruppo Editoriale)

anno edizione: 2019

pagine: 238

"C'è una via lattea del Pollino così ricca di profumi e di forme da fare invidia ai paradisi dei formaggi italici, con ricotte, mozzarelle, caciocavallo, con pecorini dal gusto inconfondibile che arrivano a stagionare anche 18 mesi. Ci sono campi di lavanda che per un attimo richiamano alla memoria i colori e le morbide sensazioni della Provenza. C'è una fortissima attenzione alle farine, alla pasta e al pane, con il recupero e l'uso sempre più convinto di grani antichi. Ma anche con richiami alla memoria storica, quando i raskatielli si facevano con un misto di farina di grano e di fave per risolvere problemi di carestia, mentre adesso conditi con una leggera salsa di pomodoro a pezzetti, con una foglia di basilico e una spolverata di cacioricotta, fanno venire la voglia di dimenticare tutte le altre suggestioni gourmet che guardano al futuro e non alle meraviglie del passato. C'è il pane di Cerchiala, ottimo anche fino a dieci giorni dalla cottura. Ci sono le patate rosse di Terranova, c'è il peperone di Senise, simbolo della parte lucana del Parco assieme alla melanzana rossa di Rotonda. Peperone che dopo essere essiccato diventa crusco e va fritto in ottimo olio di oliva per diventare uno dei simboli di questa terra. C'è tanto altro ancora in questo angolo di Paradiso conosciuto come Parco del Pollino, luogo magico della natura a cui Repubblica ha voluto dedicare una intera Guida ai piaceri, ai sapori e alla scoperta di un territorio, delle sue storie, dei suoi personaggi, dei suoi cibi. Alla scoperta dei piccoli alberghi o B&B sperduti in mezzo ai boschi, in piccoli paesi pieni di storia e di amore per la montagna." (Giuseppe Cerasa)
12,90

Sardegna. Le ricette di casa. Le guide ai sapori e ai piaceri

Libro: Copertina morbida

editore: Gedi (Gruppo Editoriale)

anno edizione: 2019

pagine: 167

"Quando si parla di tradizione si affondano le mani nelle radici di un popolo. Nel caso dei piatti di casa della Sardegna ci si accorge che in realtà lo storia del passato fa più rima con terra che con mare. E allora la ricerca della memoria ci fa soffermare sui riti e sugli usi di un tempo. Così a Pasqua è un tripudio di casadinas e di pardulas. La celebrazione di Ognissanti è accompagnata dai papassini, mentre per carnevale le zippulas e le tritzas sono gli odori della festa. E poi è tutto un rincorrersi di cibi e pietanze legate al mondo contadino, al risparmio, come il pane frattau, che sono le briciole del pane carasau mischiate con pomodoro, olio d'oliva e uova. E che dire del pane zichi di Bonorva, un pane a doppia cottura o biscottato. E poi i formaggi e poi i primi come su filindeu, una pasta per minestra tagliata finissima e cotta in brodo di pecora condita con pecorino fresco. O i culurgiones ripieni di formaggio patate e menta, piatto tipico della Barbagia e dell'Ogliastra, piatto delle feste e della gioia. O i secondi di mare che ci riportano all'uso del gattuccio, molto pescato nel cagliaritano, ingrediente fondamentale per un altro piatto, sa burrida. E proprio per salvare dall'oblio queste testimonianze e molte altre che Repubblica ha realizzato questa Guida, tutta da gustare!" (Giuseppe Cerasa, Direttore delle Guide di Repubblica)
9,90

Il paradiso degli Iblei. Ragusa, Modica, Ispica, Scicli, Santa Croce Camerina. Le guide ai sapori e ai piaceri

AA.VV.

Libro: Copertina morbida

editore: Gedi (Gruppo Editoriale)

anno edizione: 2019

pagine: 262

"Andrea Camilleri ci ha lasciato, ma il suo ricordo, le sue storie rimarranno scolpiti per sempre sui volti della sua Sicilia che lui ha adorato e dalla quale è stato tanto amato. Ma resteranno anche nascosti tra le pietre, tra le facciate, tra i sassi di quei luoghi dove i personaggi di Camilleri hanno preso vita e hanno rapito milioni di italiani. Rimarranno a Scicli nella sede del Comune dove la fiction tv dí Salvo Montalbano ha ambientato il commissariato di Vigata. Resteranno in piazza Duomo a Ragusa lbla dove c'è il circolo di Conversazione, tra i tavoli della trattoria "La rusticana". Rimarranno sulla scalinata della chiesa di San Giorgio a Modica, nel mònastero di Sant'Anna, a palazzo degli Studi, a Palazzo Ascenzo. Rimarranno a Santa Croce Camerina a Punta Braccetto, dove è stata creata la casa del commissario, già oggi meta di migliaia di fan dello scrittore. Ed è anche per rendere omaggio a questi luoghi che è nato il progetto di Repubblica di realizzare una Guida dedicata al paradiso degli Iblei. Un omaggio a questi scenari, a Camilleri, ai personaggi della fiction e alla Sicilia." (Giuseppe Cerasa)
12,90
15,00

Ischia. Guida ai sapori e ai piaceri

AA.VV.

Libro: Copertina morbida

editore: Gedi (Gruppo Editoriale)

anno edizione: 2019

pagine: 261

Nella guida troverete le storie e i racconti di tanti personaggi che vivono a Ischia o ci passano le vacanze; troverete una serie infinita di occasioni per visitarla in lungo e in largo con curiosità che mai nessuno vi ha raccontato, con gli indirizzi migliori per mangiare, dormire, fare shopping, per scegliere i più significativi prodotti che produce questa terra vulcanica, le migliori terme, i migliori punti di osservazione, ma anche le feste e le celebrazioni storiche, le ricette degli chef più curiose, in grado di portare a casa vostra il profumo e il ricordo di una terra indimenticabile.
13,90

Molise. Guida ai sapori e ai piaceri della regione 2019

AA.VV.

Libro: Copertina morbida

editore: Gedi (Gruppo Editoriale)

anno edizione: 2019

pagine: 263

La vita del Molise sta nei volti della sua gente. Volti di gente per bene, come quelli che noi raccontiamo in questa seconda edizione della Guida di Repubblica ai sapori e ai piaceri della regione. C'è il ceramista che torna dall'Australia e apre la sua bottega, c'è chi continua a forgiare campane come si faceva secoli addietro, c'è chi arriva al successo con gli odori e i colori dei confetti. C'è chi punta alla bio-innovazione e chi parla la lingua delle piante officinali, chi conquista il mondo col proprio olio e chi ripercorre le strade dei tratturi a bordo di un carro trainato da un cavallo. C'è chi produce formaggi e scala le classifiche più qualificate d'Italia e chi con ago e filo crea meravigliosi abiti apprezzati dai grandi maestri sartori. Ecco, in questi volti c'è l'essenza di una regione che guarda al futuro.
13,90

Micromega (2019). Vol. 4: Almanacco della scienza

AA.VV.

Libro

editore: Gedi (Gruppo Editoriale)

anno edizione: 2019

pagine: 233

Micromega è una rivista di cultura, politica, scienza e filosofia fondata nel 1986 da Giorgio Ruffolo e Paolo Flores d'Arcais. In allegato due reprint: Giorgio Prodi e Antonio Tabucchi.
15,00

Mare della Toscana. Guida ai sapori e ai piaceri della regione

AA.VV.

Libro: Copertina morbida

editore: Gedi (Gruppo Editoriale)

anno edizione: 2019

pagine: 359

"Mare a perdita d'occhio. In Italia il mare è di casa, per una penisola non può che essere così. Bene. Se togliamo di mezzo le due isole maggiori che meritano un discorso a parte, se accantoniamo per un momento il recente esagerato e meritato sviluppo turistico della Puglia e la popolare offerta rappresentata per anni dai lidi romagnoli, possiamo certamente dire che la Toscana per prima è riuscita a associare il mare ad un concetto di raffinatezza e di ricerca di un profilo altamente competitivo e attrattivo. Dunque mare come business, mare come vacanza, mare come sogno, mare come straordinario anello di collegamento con tutto quello che esiste alle sue spalle e che fa territorio, spesso irripetibile. Come dire, la Riviera Apuana, la Versilia, la Costa degli Etruschi, l'Argentario. E poi le isole, l'Elba innanzitutto, ma anche il Giglio, Giannutri, Montecristo, Gorgona, Capraia, Pianosa. Tutti angoli di paradiso, tutto luoghi del cuore che la Toscana negli anni ha difeso e valorizzato, proponendoli ad un numero sempre crescente di ammiratori di cose belle e di gusti raffinati." (Giuseppe Cerasa, Direttore delle Guide di Repubblica)
13,90

Limes. Rivista italiana di geopolitica (2019). Vol. 6: Dalle Libie all'Algeria, affari nostri

AA.VV.

Libro

editore: Gedi (Gruppo Editoriale)

anno edizione: 2019

pagine: 264

La rivista Limes nasce nel 1993 e si impone rapidamente come prodotto di alto valore culturale. Frutto di varie e trasversali componenti intellettuali, e impreziosita da ricche cartine tematiche, Limes è un punto di riferimento per chi ha interesse per la geopolitica nazionale ed internazionale.
15,00

Fiumicino. Le guide ai sapori e ai piaceri

AA.VV.

Libro: Copertina morbida

editore: Gedi (Gruppo Editoriale)

anno edizione: 2019

pagine: 236

"La storia di Roma antica affonda le sue radici nei secoli e c'è sempre stato un filo rosso che l'ha legata a Fiumicino, sin dai tempi in cui era il porto di Roma e da quelle banchine arrivavano e partivano merci, derrate, soldati, eserciti. I conti e le storie si sono divisi di recente quando Fiumicino ha voluto e ottenuto la sua autonomia amministrativa. La verità è che Fiumicino, oltre alle flottiglie pescherecce, oltre ai cantieri navali, oltre al colosso aeroportuale che raggranella sempre più medaglie rispetto ai concorrenti di tutta Europa, butta sul piatto del confronto con Roma il tema della qualità della vita, il tema della vivibilità, il tema di nuovi servizi e nuove strutture. Fiumicino, con i suoi alberghi, i suoi ristoranti (ce ne sono alcuni che non temono confronti con nessuno), con le sue aziende legate all'agricoltura (vedi Maccarese e Torrimpietra) con le sue spiagge (vedi Fregene), ha le carte in regola per guardare con ottimismo al futuro. E questa Guida serve proprio a questo, a creare un ponte tra la città di oggi e la Fiumicino di domani destinata diventare uno dei poli più attrattivi della costa laziale e non solo." (Giuseppe Cerasa Direttore delle Guide di Repubblica)
13,90

Parco del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Guida ai sapori e ai piaceri della regione

AA.VV.

Libro: Copertina morbida

editore: Gedi (Gruppo Editoriale)

anno edizione: 2019

pagine: 309

"Ci sono molte ragioni per amare il Cilento, ragioni storiche, culturali, ambientali, geografiche. Centinaia di storie si intrecciano fra loro, storie che iniziano da Parmenide, passano dalle sirene di Ulisse, si soffermano sulle passioni di Goethe e finiscono col coraggio di uomini come Angelo Vassallo, sindaco pescatore di Pollica, ucciso nel 2010 prima che si realizzasse il suo sogno di vedere inclusa la dieta mediterranea tra i patrimoni immateriali tutelati dall'Unesco. Storie che meritano un viaggio, una scoperta, storie che provocano emozioni profonde che arrivano al cuore di un territorio unico, racchiuso in un Parco nazionale che ha il record di area protetta più grande d'Italia." (Giuseppe Cerasa, direttore delle Guide di Repubblica)
13,90

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.