Il tuo browser non supporta JavaScript!
Iscriviti alla newsletter

Narrativa di argomento mitologico

La leggenda del Coda Rossa. Liberamente ispirato a una storia vera di Val Grande

Beppe Codini

Libro: Copertina morbida

editore: ALBERTI

anno edizione: 2022

pagine: 128

«Chissà chi era veramente questo fantomatico Coda Rossa, al quale gli storici hanno dato nome, cognome e una data di nascita. Di lui non se ne parla più, in nessun borgo della Val Grande, nemmeno in quelli in cui si dice sia nato e vissuto. Solamente un paio di grandi vecchi di quella valle impervia ne conservavano ancora un vago ricordo, ormai solamente per tramandata memoria. Tuttavia la sua figura è, per molti versi, affascinante, circondata com'è da un alone di mistero che non potrà più essere diradato. Ho cercato di dargli una storia, lavorando essenzialmente di fantasia, troppo pochi sono i riscontri che ho trovato per poter fare diversamente. Spero di aver onorato la sua memoria, di essere riuscito a dargli una dimensione consona per quei tempi, di avergli dato il posto che meritava e che ora non ricordiamo più.» (dalla prefazione dell'autore)
14,00 13,30

Fiabe macedoni

Giacomo Scotti

Libro: Copertina morbida

anno edizione: 2021

pagine: 140

"Fiabe macedoni" è un'antologia suddivisa in tre capitoli dedicati rispettivamente a racconti, favole, proverbi e sentenze macedoni. Giacomo Scotti fa un interessante e incantevole excursus tra le varie manifestazioni di arte popolare, dalla danza all'oreficeria. Come un bravo cantastorie, lo studioso prende per mano il lettore e lo accompagna in un mondo fatto di tradizioni, motti, personaggi fiabeschi, realtà affascinanti e pura magia. Storie e aforismi di un universo variegato celebrano una bellezza storica e popolare.
14,00

La canzone di Achille

Madeline Miller

Libro: Copertina rigida

editore: SONZOGNO

anno edizione: 2021

pagine: 384

"Dimenticate la violenza e le stragi, la crudeltà e l'orrore. E seguite invece il cammino di due giovani, amici prima e poi amanti e infine anche compagni d'arme - due giovani splendidi per gioventù e bellezza, destinati a concludere la loro vita sulla pianura troiana e a rimanere uniti per sempre con le ceneri mischiate in una sola, preziosissima urna. Madeline Miller, studiosa e docente di antichità classica, a cui la dottrina non ha limitato o spento la fantasia creatrice, rievoca la storia d'amore e di morte di Achille e Patroclo, piegando il ritmo solenne dell'epica alla ricostruzione di una vicenda che ha lasciato scarse ma inconfondibili tracce: un legame tra uomini spogliato da ogni morbosità e restituito alla naturalezza con cui i Greci antichi riconobbero e accettarono l'omosessualità. Patroclo muore al posto di Achille, per Achille, e Achille non vuole più vivere senza Patroclo. Sulle mura di Troia si profilano due altissime ombre che oscurano l'ormai usurata vicenda di Elena e Paride." (Maria Grazia Ciani)
19,00 18,05

Fiabe finlandesi

Libro: Copertina morbida

editore: Iperborea

anno edizione: 2021

pagine: 206

Foreste, laghi, isole, ghiaccio: il paesaggio che il popolo finlandese ha sempre avuto negli occhi non poteva che diventare lo sfondo per le sue fiabe. E la mitologia finnica, quella che anima il grande poema epico Kalevala, ne ha arricchito le trame, già ricche in una terra alla confluenza tra folklore occidentale e folklore russo: in Finlandia, una figura fiabesca universalmente nota quale la matrigna cattiva può spedire la figliastra a Hiisi, dimora di spiriti maligni autoctoni, e autoctoni sono anche i vetehiset, le divinità lacustri con cui deve vedersela il giovane che con il poco che ha va a cercar fortuna. In una natura numinosa, di cui sono gli sciamani a custodire i segreti, gli animali della foresta parlano, aiutano e tirano scherzi, un lupo addirittura canta in preda ai fumi dell'alcol; e la neve porta le tracce di un viavai di slitte, di sci e di navi portentose capaci di solcare anche la terra, i bracci di mare sono attraversati da ponti spuntati d'incanto e nel cielo si viaggia a dorso d'aquila o di gabbiano. Tutti vagano, in queste fiabe, tutti sono in cerca di qualcosa: Ilmarinen, il fabbro sempiterno, va a maritarsi, due ragazzi cercano i loro sette fratelli tramutati in cigni, Lippo, partito per la caccia, ritrova casa dopo anni grazie al figlio, che darà inizio alla storia della Lapponia, e c'è perfino chi cerca, e trova, la via che porta i finlandesi alla felicità. Nella trascrizione che ne ha fatto Eero Salmelainen a metà Ottocento, con il suo stile diretto, conciso e venato di ironia, queste fiabe si avvicinano alla freschezza del canto popolare e insieme, per l'immediatezza e il peculiare umorismo, anticipano la narrativa finlandese dei nostri giorni.
17,00 16,15

La leggenda del cavallo verde

Giorgio Caponetti

Libro: Copertina morbida

editore: Brioschi

anno edizione: 2021

pagine: 192

L'Unesco chiede al professor Alvise Pàvari Dal Canal, uno dei massimi studiosi del cavallo e della sua storia, docente della materia presso l'Università Ca' Foscari, di indicare quale razza di cavalli italiani sia degna di entrare fra i Patrimoni dell'Umanità. Lui non ha dubbi: il cavallo della Giara, selvaggio e misterioso altopiano al centro della Sardegna. Parte dalla sua Venezia e va sull'isola, dove si trova coinvolto nella difficile impresa di salvare una bambina affetta da una grave forma di leucemia. Riuscirà a farle vedere il miracoloso cavallo verde? Caponetti inventa un meccanismo narrativo perfetto che ripercorre l'arco di due secoli, una parabola poetica che ci fa riflettere sui modi misteriosi in cui la storia interviene a dare un senso alla nostra vita.
18,00 17,10

Jungle nama. Il racconto della giungla

Amitav Ghosh

Libro: Copertina morbida

editore: Neri Pozza

anno edizione: 2021

pagine: 80

Questo libro narra di un'antica leggenda custodita nel cuore delle Sundarban, la più grande foresta di mangrovie del mondo. È la leggenda di Dokkhin Rai, uno spirito terribile che, spargendo il terrore, detta la sua legge selvaggia e regna incontrastato sulla foresta. Sotto le sembianze di una tigre, compare all'improvviso al cospetto degli sventurati che osano avventurarsi nel suo reame e ne divora ossa, pelle, mani. È la leggenda di Bon Bibi e di suo fratello Shah Jongoli, due esseri dal grande potere che accorrono da un deserto lontano, richiamati dalle preghiere e dalle suppliche delle creature della giungla in preda al terrore. Forte e misericordiosa Bon Bibi, guerriero dall'energia mostruosa Sha Jongoli, dopo una lotta selvaggia i due pongono fine alla tirannia di Dokkhin Rai, confinandolo alla foce del fiume, là dove l'acqua si unisce alla terra. Bon Bibi impone così la sua nuova legge, una legge che nasce dalla sua sagacia: nel regno degli umani nessun demone dovrà mettere piede; alla foce del fiume, invece, dove Dokkhin Rai avrà la sua fortezza, nessun essere umano dovrà avventurarsi. È, infine, la leggenda di Dhona, il mercante detto il Riccone, che non può accontentarsi dell'agiatezza raggiunta. La sua cupidigia agogna una nuova avventura, un nuovo viaggio al di là di ogni confine e proibizione. Come un antico cantore di miti, Amitav Ghosh narra questo racconto della giungla ricorrendo al potere magnetico dei versi, tradotti in questa edizione italiana da Norman Gobetti e Anna Nadotti. Ne scaturisce un libro prezioso soprattutto per le giovani generazioni che, disegnato da Salman Toor, ridesta l'antica, sapiente legge che ha governato per millenni il rapporto tra gli esseri umani e la natura: la legge di Bon Bibi, per la quale è bene non sfidare mai il cuore selvaggio della natura piegandola ai propri voleri, se si vuole garantire l'equilibrio della terra. Equilibrio che, come mostrano le nefaste conseguenze del cambiamento climatico in corso, è oggi profondamente minacciato dalla "sconfinata" attività degli esseri umani.
18,00 17,10

Teatro di cenere

Manuel Moyano

Libro: Copertina morbida

editore: Del Vecchio Editore

anno edizione: 2021

pagine: 160

Nei cento microcomponimenti contenuti in Teatro di cenere troviamo come distillata tutta la potenza immaginifica della scrittura di Manuel Moyano. Pagina dopo pagina il lettore si trova avvinto in racconti di mondi favolosi, grotteschi e inquietanti narrati con una caustica ironia che non disdegna di farsi talvolta decisamente crudele. I temi che caratterizzano la tradizione della micronarrazione - riscritture di antichi miti, il rapporto con il mostruoso, l'eterno tema del doppio, paradossi religiosi e teologici, distopie apocalittiche, irruzioni dell'irreale nel quotidiano - trovano grazie alla programmatica ricerca dell'originalità da parte dell'autore una loro espressione raffinatissima. Moyano sembra costruire il proprio discorso come un attento antropologo: esplora scrupolosamente la monotonia del quotidiano riuscendo a catturare le dissonanze nei silenzi più noiosi, intercettando quella scintilla di insolito o surreale capace di capovolgere anche la routine più insipida. Invita il lettore a riappropriarsi del senso dello stupore che permette di guardare con occhi nuovi ciò che è familiare. La densità letteraria e narrativa dell'opera offre un gran numero di livelli interpretativi e tra tutti risulta evidente una propensione buffonesca ad irridere il potere. Ancora una volta l'autore invita il lettore a farsi suo complice e a giocare con il senso dell'assurdo per mettere in discussione la consuetudine e ripensare il rapporto con la realtà.
16,00 15,20

Storia di Argo

Maria Grazia Ciani

Libro: Copertina morbida

editore: Marsilio

anno edizione: 2021

pagine: 96

Una donna ricorda, e un passato doloroso rimasto a lungo sepolto nella memoria riemerge a sprazzi. Attraverso gli occhi di se stessa bambina, rivive le drammatiche esperienze della popolazione italiana dell'Istria durante e dopo la Seconda guerra mondiale: i bombardamenti, l'occupazione tedesca, l'arrivo degli slavi, l'esodo. A simboleggiare il trauma dell'esilio forzato, lo straziante momento della separazione dal cane York, cui la legava un affetto profondo, abbandonato la notte della fuga. York che come Argo, il cane di Ulisse, ha continuato ad aspettare invano il suo ritorno, fino alla morte. Un romanzo a sfondo autobiografico sorretto da una scrittura limpida e concentrata, e da immagini che si incidono a fondo nella memoria del lettore.
13,00 12,35

Misteri di Maremma

Libro: Copertina morbida

editore: C&P Adver Effigi

anno edizione: 2021

pagine: 176

"Tutti mi dicon Maremma, Maremma, ma a me mi pare una Maremma amara..." (canto popolare toscano, Anonimo). Sono sei i racconti che compongono il volume Misteri di Maremma, incentrati sulle leggende e i misteri che aleggiano intorno ai luoghi affascinanti della Maremma. Un omaggio al territorio, coordinato dallo scrittore Carlo Legaluppi, qui nella veste di curatore. Ogni racconto è impreziosito dalle illustrazioni di Carlo Rispoli e dalle fotografie di Giuseppe Guerrini. Storia e fantasia, avventura, mistero e nostalgia si intrecciano nel racconto di Carlotta Fruttero i cui protagonisti, il Nebbia, il cane e la bambina, si muovono tra Castiglione della Pescaia e la famosa Cala Violina, situata nei pressi di Scarlino. Roberta Pieraccioli ci porta a Castel di Pietra, nelle vicinanze di Gavorrano, Massa Marittima e Prata, seguendo le tracce della dantesca Pia, e trae ispirazione dalle sue vicende tragiche e sfortunate, trasposte al presente nella vita di una sua giovane omonima. Silvia Meconcelli ci offre una storia di case abbandonate nella città di Grosseto, di anime smarrite e di profonda analisi intima. Una narrazione di dolore, ricerca e liberazione. Il racconto di Francesca Lotti è ambientato a Manciano e nelle campagne circostanti. Il tema del tradimento è il filo conduttore, e ripercorre la storia di un ponte maledetto e di una collina, che secondo le leggende popolari furono teatro di battaglie senza tempo. Costanza Ghezzi ci conduce sulle coste dell'Argentario, nel 1600, e alle battaglie marinare contro i corsari saraceni, che alimentarono molte leggende, ancora vive nella memoria degli abitanti del Promontorio. Il racconto finale, di David Berti, ha per protagonista un uomo misterioso che, da umile barrocciaio, divenne leader carismatico, richiamando a sé, sulle pendici del Monte Amiata, folle di persone. Una storia, quella di David Lazzaretti, Il profeta dell'Amiata, che segnò l'esistenza di molti. L'intero ricavato dell'opera, libero dai costi di stampa e distribuzione, sarà devoluto all'Associazione Olympia De Gouges Aps.
15,00 14,25

Lusi, una sirenetta moderna e altre fiabe

Thomas Theodor Heine

Libro: Copertina morbida

editore: Elliot

anno edizione: 2021

pagine: 74

Melusine, detta Lusi, fa la domestica presso una ricca coppia borghese nella Germania di inizio Novecento. Ogni tanto esprime qualche bizzarra richiesta che insospettisce i suoi datori di lavoro, come ad esempio poter passare il suo giorno libero chiusa in bagno. Certo è che, da quando è arrivata, la casa è ben governata e, mentre la crisi infuria, ella si offre addirittura di aiutare economicamente la coppia. La paura del diverso, però, vince su ogni altro sentimento, e i padroni alla fine decidono di chiamare la polizia, scoprendo così la vera natura della giovane... Questa breve raccolta di fiabe ambientate nella modernità, scritte e illustrate da uno tra i più caustici scrittori e caricaturisti tedeschi, fu pubblicata solo nel 1935 in Olanda con il titolo "Die Märchen" (Fiabe), mentre Heine era in fuga dalla Germania nazista.
10,00 9,50

Fiabe degli zingari di Bosnia e dell'ex Jugoslavia

Giacomo Scotti

Libro: Copertina morbida

anno edizione: 2021

pagine: 296

Una nuova tappa del viaggio di Giacomo Scotti nella favolistica: questa volta l'approdo è nel mondo dei Rom, gli zingari che abitano le diverse regioni dei Balcani. Nomadi (la tribù dei Cergashi) o stanziali (i Gurbeti), questi popoli restituiscono un patrimonio di racconti trasmessi oralmente, i cui protagonisti sono giganti e stregoni, ladri, poveracci, re e imperatori, in una dimensione colorata di miracoli e magie. Le fiabe raccolte in questo volume attingono a due fonti: da un lato le storie che l'autore ha appreso dalla viva voce degli zingari; dall'altro libere riscritture di alcuni racconti già apparsi nella raccolta Ciganske pri?e (1957) dello studioso Rade Uhlik.
17,00

Il re degli dei. Zeus e le divinità greche: le meravigliose storie del mondo antico

Alessandro Gelain

Libro: Copertina morbida

editore: Sperling & Kupfer

anno edizione: 2021

pagine: 255

Sull'inaccessibile cima del monte Olimpo, circondata perennemente da bianche nubi, sorge un palazzo dorato. Al suo meraviglioso interno si erge il trono più alto del mondo, conquistato con eroiche gesta da colui che viene chiamato «il re degli dei»: Zeus. È a lui che Alessandro Gelain, autore del celebre podcast Mitologia, dedica questo libro: alla leggendaria storia della sua nascita, alle battaglie contro i giganti, alle sue follie d'amore che spesso hanno scatenato gelosie, vendette, guerre tra esseri divini e umani. In questo viaggio epico, Gelain porta il lettore per mano nell'universo della mitologia greca, spiegando le origini del mondo antico tra dei, mostri e titani, tenendoci con il fiato sospeso durante la dura lotta tra l'orribile Tifone e il grande Zeus, conquistandoci con i racconti delle avventure del dio con la folgore in mano, disposto a tramutarsi in animale pur di avvicinarsi all'amata. Ci presenta anche gli altri maestosi, terribili abitanti dell'Olimpo, le divinità che hanno (o hanno avuto) un seggio dorato accanto a quello del re degli dei: dall'astuto dio dei ladri Ermes alla vendicativa Era, dal terribile dio dei massacri Ares al guardiano degli inferi Ade, dal folle dio dell'ebbrezza Dioniso alla saggia Atena, invocata durante tutte le guerre. Tra gloriose prodezze, sconfitte eclatanti e vittorie sanguinolente, tra intrecci, inganni e profezie, tra mito e leggenda, scopriamo che i protagonisti di questo libro non sono solo gli esseri più potenti del creato, ma anche gli incredibili riflessi che il mondo antico ha ancora sul giorno d'oggi.
16,90 16,06

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.