Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il Mulino

Resistere alla crisi. I percorsi dell'azione sociale diretta

Lorenzo Bosi, Lorenzo Zamponi

editore: Il Mulino

anno edizione: 2019

pagine: 300

L'Italia della crisi appare come un paese a metà tra l'inerzia e la guerra tra poveri: da una parte, l'accettazione supina e fatalista di politiche improntate all'austerità e dall'altra una miscela esplosiva di rabbia e risentimento, pronta a essere scaricata sui capri espiatori più svariati. Eppure non è tutto qui. L'idea alla base di questo studio è che, scegliendo di guardare in basso, si possano vedere forme di resistenza che raramente emergono sulla scena pubblica, che ridanno forza all'azione collettiva e riposizionano l'individuo nella sfera pubblica: sono le forme di azione sociale diretta. Si tratta di un campo di attori vasto ed eterogeneo, dalle grandi organizzazioni sociali alle occupazioni abitative, dai gruppi di acquisto solidale alle fabbriche recuperate, passando per i circoli culturali e le sperimentazioni di welfare dal basso. Gli autori analizzano i loro percorsi all'interno della crisi con lo sguardo e gli strumenti delle scienze sociali, a questi attori danno voce, intervallando l'analisi scientifica con lunghi passaggi delle interviste che hanno condotto.
29,00 24,65

I processi politici

editore: Il Mulino

anno edizione: 2019

Dalla condanna a morte di Socrate nell'Atene del 399 a.C., fino al «processo» intentato dalle Brigate rosse a Aldo Moro, questo volume mostra il filo rosso che unisce alcuni celebri processi politici della storia, individuandone i punti di contatto. La volontà di somministrare una punizione esemplare in un momento di instabilità politica, il tentativo - non sempre limpido o in buona fede - di «proteggere l'umanità» da nuove guerre o dal decadimento morale, furono le ragioni delle condanne a Socrate, ai cesaricidi, al fiorentino Bernardo del Nero, a Giordano Bruno, ai leader comunisti italiani nel 1928, ai criminali di guerra giudicati a Norimberga, fino alla tragica esecuzione di Aldo Moro, capro espiatorio delle accuse rivolte al suo partito in un'Italia segnata dallo scandalo Lockheed e stravolta dal terrorismo. Saggi di Luciano Canfora, Emanuele Cutinelli-Rendina, Giorgio Fabre, Massimo Mastrogregori, Geminello Preterossi, Diego Quaglioni, Maria Michela Sassi.
19,00 16,15

Il Sud, l'Italia, l'Europa. Diario civile

Emanuele Felice

editore: Il Mulino

anno edizione: 2019

pagine: 240

In questo volume Felice compone le sue riflessioni sulla grande crisi politica che ha investito negli ultimi anni il nostro Paese, l'Europa e l'Occidente. Per allargamenti successivi, il volume affronta il divario nord-sud come nodo cruciale della situazione italiana, poi l'evolvere della politica italiana negli ultimi quattro anni con i governi Renzi e Gentiloni e infine con quello M5S-Lega che a suo giudizio rappresenta con la Brexit il maggiore fattore di rischio dell'Europa. Un'Europa senza la quale l'Italia sarebbe probabilmente meno libera e meno democratica. Nell'ultima parte, dedicata appunto all'Europa, Felice testimonia la crisi dell'umanesimo liberale che ne costituisce la sostanza, chiedendosi con preoccupazione se si sia spezzato quell'eccezionale colpo d'ala, nel benessere e nei diritti, che fin qui ha accompagnato l'emancipazione umana.
16,00 13,60

New parenthood and childhood patterns. Principles and praxes in muslim realities

Federica Sona

editore: Il Mulino

anno edizione: 2019

pagine: 300

Inserendosi nell'ampia cornice del dibattito bioetico, il volume indaga il diritto alla vita privata e familiare dei futuri genitori musulmani che si muovono entro i confini delineati dai principi del diritto islamico, da un lato, e dal sistema giuridico italiano, dall'altro. Sono qui presi in esame percorsi di filiazione creativi, conformi o meno al diritto islamico, ma prescelti da uomini e donne musulmani che intendono portare a compimento il loro progetto di genitorialità, ponendo in rilievo come ordini normativi e sistemi giuridici coesistenti e parzialmente sovrapposti influenzino tanto le loro scelte, quanto l'operato dei responsabili clinici della medicina della riproduzione. Grazie all'analisi di materiale accademico, legislativo e giuridico, in aggiunta a indagini etnografiche e allo studio approfondito di dati empirici qualitativi e quantitativi, il volume fornisce strumenti di lettura e decodifica utili non solo per gli studiosi, ma atti anche a supportare operatori sanitari e figure religiose che devono rapportarsi con paradigmi plurimi di genitorialità. Prestando particolare attenzione a principi e prassi interpretati e adottati nelle realtà musulmane locali, il volume fa altresì luce su «vecchie-nuove» dinamiche parentali, anche parzialmente nascoste, declinate in fantasiose costellazioni familiari.
24,00 20,40

L@scuola1.0

Giorgio Ostinelli

editore: Il Mulino

anno edizione: 2019

pagine: 160

Questo è un libro sulla scuola di oggi, spinta a confrontarsi con una società in rapida e costante evoluzione. Un libro che auspica una scuola aperta verso il cosiddetto mondo esterno, le cui tematiche - che vanno dalla relazione tra scuola e famiglia al multiculturalismo, dall'educazione a un consumo responsabile a un uso competente delle moderne tecnologie - possono interessare chiunque si occupi di scuola o sia direttamente o indirettamente interessato al mondo scolastico: in primo luogo insegnanti e dirigenti, ma anche genitori, politici, educatori, studenti. Ciascun capitolo apre con scene di vita quotidiana, nelle quali parlano i protagonisti: allievi, insegnanti, genitori, dirigenti. Le situazioni illustrate vengono poi analizzate alla luce delle evidenze risultanti dalla ricerca contemporanea in ambito educativo, e, sulla base di esse, vengono proposti approcci innovativi provenienti da vari paesi, mediante i quali la scuola e i propri operatori sono riusciti ad ottenere risultati validi e significativi.
19,00 16,15

Comunità

Marco Aime

editore: Il Mulino

anno edizione: 2019

pagine: 140

Un ambiente accogliente, dal ritmo lento, un insieme costituito da legami stretti e caldi: la parola «comunità» ci riporta con nostalgia a un mondo che sembra inevitabilmente consegnato al passato. Come e quando abbiamo perduto la capacità di mantenere viva la comunità? La società urbano-industriale ha segnato il primo profondo cambiamento, indebolendo relazioni e rituali ai quali era affidata anche una memoria condivisa. Ma il colpo decisivo è arrivato dalla Rete, dove le communities mediano i rapporti attraverso uno schermo, senza spazi fisici condivisi, senza empatie, senza incontri. La velocità sostituisce la qualità, i tweet la conversazione, gli emoticon i sentimenti. Ma nell'era dei non luoghi, dell'eterno presente e dell'amicizia ridotta a like, il bisogno di comunità resta. Cosa fare per tentare di ricostruire un «noi» fondato su autentici legami di prossimità?
12,00 10,20

Andare per Matera e la Basilicata

Di Caro Eliana

Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2019

pagine: 161

A lungo Basilicata ha voluto dire Cristo si è fermato a Eboli (1945). Una immagine forte e dolente, che non esaurisce però la ricchezza di quel mondo, salito all'attenzione internazionale prima con l'inserimento dei Sassi fra i siti Unesco nel 1993, poi con Matera capitale europea della cultura 2019. Ad accompagnarci nell'itinerario che si snoda tra vari centri lucani, alcune guide di eccezione: non solo Carlo Levi, visceralmente legato ad Aliano, ma anche Pier Paolo Pasolini, innamorato degli antichi rioni materani, Rocco Scotellaro, sindaco di Tricarico, poeta e scrittore, Giovanni Pascoli, che insegnò al liceo classico di Matera per due anni, la poetessa cinquecentesca Isabella Morra, straziata nella rocca di Valsinni, Albino Pierro e la sua Tursi, Leonardo Sinisgalli, mai dimentico di Montemurro. Su tutti, Orazio e la sua Venosa.
12,00 10,20

Partito e democrazia. L'incerto percorso della legittimazione dei partiti

Piero Ignazi

Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2019

pagine: 438

È sotto gli occhi di tutti come i partiti siano ormai poco apprezzati dall'opinione pubblica in quasi tutte le democrazie consolidate. Integrando analisi filosofiche, storiche e politologiche, il libro risale alle radici profonde della debole legittimazione dei partiti nella nostra società e individua i passaggi cruciali dell'accettazione del partito dal punto di vista sia teorico che empirico. I partiti non sono stati in grado di reagire al cambiamento sociale e si sono indirizzati verso lo Stato per recuperare risorse che non erano più in grado di trarre dalla società. Divenuti più forti, e anche più ricchi, hanno «pagato» la loro presenza pervasiva con un calo di legittimità. Il partito oggi è una sorta di Leviatano con i piedi di argilla: molto potente grazie alle risorse che ottiene dallo Stato e all'estensione di pratiche clientelari; molto debole in termini di stima e fiducia agli occhi dei cittadini.
38,00 32,30

Etica del dialogo. Diritti umani, giustizia e pace per una società intraculturale

Gennaro Giuseppe Curcio

Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2019

pagine: 270

Il volume vuole essere una ricerca scientifica sul tema dell'accoglienza, ponendo l'«intracultura» come la nuova chiave d'interpretazione della nostra contemporaneità. In questo nuovo percorso l'umanità incontra, attraverso il contatto e il riconoscimento, la persona come essere ontologico e relazionale e trova la sua espressione più autentica nella cura, nell'antecedenza dei doveri sui diritti e nella giustizia intesa come equità sociale. In una simile prospettiva, l'intracultura diviene lo strumento di connessione pratica tra libertà e responsabilità, tutela dei diritti umani e democrazia plurale, tra individui e persone, per costruire una comune società umana in cui la pace sia solidarietà e amore, misericordia e perdono, riconoscimento e giustizia sociale. Nel proporre l'intracultura come superamento delle categorie non più feconde del multiculturalismo e del-l'intercultura, il volume traccia le coordinate dell'etica del dialogo per comprendere e prendere le distanze dai populismi che allontanano l'umanità dalla relazionalità più prossima all'alterità e al bene comune.
22,00 18,70

Il marketing territoriale. Pianificazione e ricerche

Gianluigi Guido, Giovanni Pino

Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2019

pagine: 616

Il benessere delle comunità nazionali deriva sempre più dalle interazioni tra Sistemi Territoriali Locali (STL) di medie dimensioni (città, distretti, regioni), che ne costituiscono il tessuto economico, sociale e ambientale. Il marketing territoriale è un approccio finalizzato a indurre i fruitori di questi STL - residenti, turisti, imprese locali o esterne - a collaborare al loro sviluppo sostenibile. Il presente volume, diviso in due parti, propone un metodo originale e integrato per predisporre strategie di successo basate sulla piena conoscenza dei STL. La prima parte presenta un modello di pianificazione di marketing territoriale in quattro fasi: la prima relativa agli elementi fondamentali della strategia (ambito, soggetto, risorse, e oggetto strategici); la seconda all'analisi interna dei STL; la terza al confronto tra STL concorrenti; la quarta al controllo degli esiti delle strategie di sviluppo locale adottate. Nella seconda parte del volume, il modello è applicato al caso dei STL salentini in modo che ogni singola fase della pianificazione è presentata con l'ausilio di dati reali e di tutti i comandi dei software utilizzati nelle analisi (SPSS, Excel, ATLAS.ti, UClnet, FuzzyTECH) volte a definire i confini dei STL, la loro vocazione, il network dominante, le aree strategiche d'affari, il confronto tra identità e percezione dell'offerta, le strategie di adattamento conseguenti e, infine, il grado di sviluppo realizzato.
40,00 34,00

Bisanzio e l'occidente medievale

Giorgio Ravegnani

Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2019

pagine: 228

La millenaria storia dell'impero di Bisanzio ha avuto continui punti di contatto con quella dell'Occidente, basti pensare alla presenza dei bizantini in Italia, dove restarono come dominatori dal VI all'XI secolo. I rapporti si fecero poi conflittuali fino a giungere nel 1204 alla quarta crociata, allorché veneziani e crociati si impossessarono di Costantinopoli. Nel Trecento l'atteggiamento dell'Occidente, e soprattutto di Venezia, fu più accondiscendente nei confronti di Bisanzio, considerata un avamposto della cristianità contro la montante marea dei Turchi ottomani. Vennero di conseguenza forniti aiuti militari, ma le discordie fra gli stati europei e la potenza dei Turchi condussero fatalmente alla fine dell'impero nel 1453.
14,00 11,90

Mai più senza maestri

Gustavo Zagrebelsky

Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2019

pagine: 154

"Mai più maestri!" si leggeva nel '68 sui muri di Parigi; un motto antiautoritario ed egualitario che riassumeva il sogno di una società più libera. E oggi, esistono ancora i maestri? Nella nostra democrazia, che appiattisce l'alto sul basso, sembra esserci posto solo per influencer, comunicatori e tutor che rassicurano e consolano, e non per guide dello spirito capaci di risvegliare le coscienze. Ma senza maestri si è condannati al pensiero unico e all'omologazione. Senza di loro chi susciterà l'inquietudine del dubbio, chi ci indicherà "l'altrimenti", chi smuoverà energie vitali e liberatorie verso il nuovo? Figure anacronistiche allora, ma necessarie ovunque rinascano una domanda di senso e una esigenza di ethos.
14,00 11,90

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.