Il tuo browser non supporta JavaScript!
Iscriviti alla newsletter

Il Polifilo

Il naviglio di Milano e gli antichi canali lombardi

Giacomo Bascapé

Libro: Copertina morbida

editore: Il Polifilo

anno edizione: 2014

pagine: 146

L'opera ha lo scopo di delineare il sorgere e lo svolgersi del fitto sistema di canali e di fossati che interseca il territorio lombardo, e specialmente del vecchio, caro, indimenticabile Naviglio interno della città, che, dopo secoli di vita non ingloriosa ha ceduto alle esigenze urbane ed è scomparso, lasciando un po' di rimpianto nei cuori dei milanesi. Elemento fondamentale del sistema difensivo della città e del traffico milanese per tanti secoli, il Naviglio ha ceduto il posto ad una larga arteria stradale. Con la scomparsa della liquida fascia che avvolgeva il fitto nucleo medievale, e che rappresentava una pennellata tipica, uno dei tratti fisionomici del volto di Milano, una delle basi del suo folclore, si è chiusa per sempre una pagina di storia e di vita cittadina, si è modificato radicalmente il paesaggio e il carattere della città antica. Con uno scritto di Alberto Vigevani.
25,00

Storia della lingua e della letteratura italiana in New York

Lorenzo Da Ponte

Libro: Copertina morbida

editore: Il Polifilo

anno edizione: 2013

pagine: 192

Dopo esser stato commerciante di prodotti agricoli a Elizabeth Town (New Jersey) e a Sunbury (Pennsylvania) e insegnante d'italiano a New York e Filadelfia, nel 1819 Lorenzo Da Ponte dedicò tutte le proprie energie alle amatissime lettere, e in particolare alla diffusione della lingua e della letteratura italiana a New York. Mentre l'economia si espandeva, molto meno promettente era la situazione culturale, con una dozzina o poco più d'intellettuali italiani presenti e un numero complessivo che non superava due, tre decine. Inoltre era ormai evidente che la lingua italiana non fosse più di moda, superata in Europa dalla francese, mentre in America lo spagnolo stava diventando la seconda lingua. Ma ben presto il suo principale scopo divenne quello di costituire una Biblioteca Italiana, ad uso permanente dei suoi allievi, che aumentavano sempre di numero. Con grande tenacia riuscì nel suo intento nel maggio 1826. "La Storia della lingua e letteratura italiana in New York" è quindi una sorta di pubblicità che il settantottenne autore fece nell'estremo tentativo di dare impulso alle sue imprese, con nuove adesioni alla Biblioteca Italiana, nuovi allievi, e persone disposte ad acquistare, anche a prezzi convenienti, i volumi della sua libreria. Alla fine dell'opera Da Ponte inserisce ventotto lettere di alcune delle sue migliori allieve, testimonianza affettiva e riconoscente della sua straordinaria attività di insegnante e di maestro.
25,00

Hortus librorum liber hortorum. L'idea di giardino dal XV al XX secolo attraverso le fonti a stampa.

Giorgio Di Franco

Libro: Copertina rigida

editore: Il Polifilo

anno edizione: 2012

pagine: 538

L'opera propone un percorso sull'idea di giardino attraverso le fonti a stampa dal 1500 a oggi. Vengono osservate le metamorfosi che le figure e le forme del giardino e i suoi significati, ora palesi ora nascosti e misteriosi, hanno subito nel tempo. Il secondo volume comprende e commenta testi e raccolte del diciottesimo secolo, riproponendo le forme emozionanti del parco paesaggistico del Settecento europeo.
68,00

Sull'Italia. Discorso apologetico

Lorenzo Da Ponte

Libro: Copertina morbida

editore: Il Polifilo

anno edizione: 2012

pagine: 154

Nel 1820 il re d'Inghilterra Giorgio IV aveva intentato una causa legale contro la moglie Carolina di Brunswick, la quale da tempo conduceva pubblicamente una vita immorale in Italia. Il celebre avvocato irlandese Charles Philips era intervenuto a favore di Carolina con una lettera indirizzata al re, nella quale screditava i testimoni italiani giudicandoli ipocriti, falsi e bugiardi per natura, indegni di un tribunale inglese. Tali denigrazioni non furono tollerate da Lorenzo da Ponte, massimo esponente della cultura italiana in America, il quale con forte intento polemico diede alle stampe "Sull'Italia. Discorso apologetico". Riproponiamo al lettore questo breve scritto non tanto per la sua eccellenza letteraria, quanto per l'onorata intenzione dell'autore di difendere il proprio paese in terra straniera.
25,00

Il lago di Como

Johann J. Wetzel

Libro: Copertina rigida

editore: Il Polifilo

anno edizione: 2011

pagine: 108

Dopo i laghi elvetici il Wetzel scoprì i laghi insubrici, il Lario, il Verbano e il Ceresio e finalmente il Garda. Le quindici vedute del "Voyage pittoresque au lac de Côme" uscirono nel 1822: quattro anni prima che le limpide acque del Lario fossero turbate dai primi battelli a vapore; ancora non conoscevano che le barche da pesca con i curvi arcioni per la tenda, i grevi comballi con la gran vela quadrata e le agili gondole da diporto, che il Giovio metteva accanto alle veneziane. Così che il nostro artista poteva godersi il pulitissimo lago e l'aria tranquilla, alieno come era da romantici sconvolgimenti e burrasche. Voleva uno specchio limpido a riflettere e filtrare le cristalline trasparenze dell'atmosfera, e le montagne, i promontori, le ville e i villaggi, a raffinare le delicatezze del cielo e della luce d'Italia da lui scoperta sul Lario per la prima volta, con un rapimento che si ritrova nelle bellissime vedute, nel polverio di luce, nelle trasparenti lontananze, nel cielo solcato di limpide nubi: quel cielo di Lombardia in queste vedute veramente e manzonianamente bello. Questa edizione presenta la traduzione italiana del testo del Wetzel e le tavole in misura di due terzi dell'originale da cui sono state riprodotte, quasi certamente colorito dallo stesso Wetzel. introduzione di Piero Banconi.
52,00

Milano che scompare

Otto Cima

Libro: Copertina morbida

editore: Il Polifilo

anno edizione: 2010

pagine: 160

"C'era una vecchia Milano che non è più. Le linee secolari della sua struttura, reliquie di storia e testimonianze di vita, sono state dapprima lentamente corrose, poi rapidamente soverchiate e disfatte, dall'espandersi della nuova città, che, avida di spazio, imperiosa, insofferente di limiti tradizionali, già distende l'arido asfalto delle sue vie, propaga il tumultuoso fervore delle sue industrie, innalza l'orgoglio monumentale della sua opulenza là dove cinquant'anni addietro si potevano cercare soltanto ombrose solitudini e rustiche osterie. Alte moli allineate senza intermezzi di sosta e riposo, grigio squallore di cemento che simula la pietra, portentosa frequenza di uffici e di negozi, inestricabile labirinto di condotti sotterranei e di fili aerei, interminabile fragore di ruote correnti, questa città avrà anch'essa un giorno, nobilitata dal tempo, una particolare bellezza, che i nostri nepoti si terranno in cuore con nostalgica fedeltà".
25,00

Hortus librorum liber hortorum. L'idea di giardino dal XV al XX secolo attraverso le fonti a stampa

Franco Giorgetta

Libro

editore: Il Polifilo

anno edizione: 2010

L'idea di giardino dal xv al xx secolo attraverso le fonti a stampa. Vol.I Cinquecento & Seicento. Presentazione di Massimo Venturi Ferriolo. In-16, 17 x 24, 544 pagine, 226 illustrazioni. In tela con sovraccoperta. Il volume, (un giardino di libri, un libro di giardini) percorre la storia del giardino, o meglio dell'idea di giardino, attraverso le fonti a stampa dal 1500 ad oggi. Prima ancora di essere una bibliografia tematica (i libri e le raccolte di stampe studiate, prime edizioni e le principali che seguono, sono descritte e collazionate con riferimento alla collocazione dell'esemplare esaminato) il libro compie un affascinante percorso, osservando le metamorfosi che le figure e le forme del giardino e i suoi significati, ora palesi ora nascosti e misteriosi, hanno subito nel tempo, specchiati nelle sue fonti prime e autentiche, a partire dalla perfezione dei giardini del Rinascimento italiano, per arrivare, attraverso le forme emozionanti del parco paesaggistico del Settecento europeo, al wild garden di William Robinson, l'odierno giardino selvaggio della natura intatta, nel quale l'uomo contemporaneo ritrova l'antico perduto rapporto con la natura originaria. Il percorso che tocca più di trecento opere, distribuite nell'arco di cinque secoli, è diviso in tre volumi. Questo primo comprende e commenta testi e raccolte dagli ultimissimi anni del Quattrocento al Seicento.
68,00

Passeggiate lariane

Carlo Linati

Libro

editore: Il Polifilo

anno edizione: 2009

22,00

Breve compendio della vita di Tiziano

Tizianello

Libro

editore: Il Polifilo

anno edizione: 2009

40,00

Milano che sfugge

Ugo Nebbia

Libro

editore: Il Polifilo

anno edizione: 2008

pagine: 108

25,00

La Regata

Michel G. Renier

Libro

editore: Il Polifilo

anno edizione: 2008

pagine: 48

37,00

Viaggio al Tibet 1738-1745

Cassiano Beligatti

Libro

editore: Il Polifilo

anno edizione: 2008

pagine: 108

25,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.