Il tuo browser non supporta JavaScript!

Bloodbuster

Matalo! Dizionario dei film western italiani

Silvio Giobbio, Marco Morosini

Libro: Libro in brossura

editore: Bloodbuster

anno edizione: 2018

pagine: 384

C'era un volta il cinema western. Grandi praterie, eroi senza macchia, indiani cattivi, fanciulle da salvare, buoni sentimenti. Poi arrivò Sergio Leone. Almeria e Cinecittà, pistoleri sporchi e barbuti, simpatici messicani unti e bisunti, cinismo e violenza. Da "per un pugno di dollari" in poi il cinema del selvaggio ovest si è completamente modificato, grazie (o per colpa) di quei lungometraggi "made in Italy", sporchi, cattivi e senza speranza, ma anche ironici, parodistici, pieni di antieroi dai nomi biblici, da Trinità a Spirito Santo, che si sono succeduti sugli schermi di tutto il mondo per più di un decennio. Qualche centinaio, per l'esattezza. E sono tutti qui. In questo dizionario. Lo spaghetti western è morto. Lunga vita allo spaghetti western.
25,00

A volte ritornano... ancora. Guida alle saghe dell'horror cinematografico moderno

Daniele Magni, Manuel Cavenaghi, Nicola Giglio

Libro: Copertina morbida

editore: Bloodbuster

anno edizione: 2019

pagine: 352

A volte ritornano... ancora ("ancora" perchè trattasi di nuova edizione ampliata) vuole essere una guida facilmente consultabile, che possa aiutare l'appassionato di cinema horror a districarsi anche tra le serie cinematografiche più impervie: quanti sanno esattamente di quanti film è composta la saga di Hellraiser? E quanti conoscono il titolo del quarto episodio di "Grano rosso sangue"? E qual è l'esatta cronologia delle pellicole dedicate a Maniac Cop? E cosa sono, in realtà, "La Casa" 3, 4, 5 e... 7?!? E che fine ha fatto "La Casa 6"? Molte saghe sono state bistrattate dalla distribuzione o dalle stesse case di produzione: con capitoli usciti alla rinfusa o rimasti inediti; con l'uso truffaldino di brand famosi applicati a pellicole assolutamente estranee alle serie a cui vorrebbero essere apparentate; con uscite cinematografiche e home video dello stesso film con titoli completamente differenti... Un po' di chiarezza in questo mare magnum era necessario farla. Ci abbiamo provato, facendo del nostro meglio. A voi stabilire se abbiamo realizzato un lavoro utile.
25,00

Last action heroes. Il cinema italiano d'azione degli anni 80

Antonio Tentori, Fabio Giovannini

Libro: Copertina morbida

editore: Bloodbuster

anno edizione: 2018

pagine: 224

Il filone bellico della guerra del Vietnam, dai film più dolenti e disillusi alle risposte machistiche dei palestrati Stallone e Schwarzenegger e simili, e il ritorno dell'avventura classico-esotica di Indiana Jones e dei suoi epigoni, sono le principali fonti d'ispirazione per le decine di filmetti contenuti in queste pagine, approntati velocemente uno dopo l'altro dai soliti noti del Cinema Bis italiano, con la consueta extra-dose di exploitation, tra sesso e violenza, che da sempre fa la differenza nelle pellicole di genere del nostro belpaese. Impressionante, davvero, è il numero di produzioni che Antonio Tentori e Fabio Giovannini hanno affastellato in queste pagine. Ecco la prerogativa principale di questo nuovo ratto sugli italian action della decade più colorata di sempre: la pervicacia degli autori nell'inseguire anche il titolo più oscuro nella filmografia di un genere finora poco indagato, con una voglia di completezza che li ha spinti a non fermarsi al 1989 che in termini temporali decreterebbe la fine di questo libro, ma a spingersi nei meandri dei più cupi primi anni 90, inseguendone tutte le propaggini fino alla completa estinzione dei filoni esaminati. Prefazione di Stefano di Marino e Edoardo Margheriti.
13,00

Contaminations. Il fantacinema italiano degli anni 80

Daniele Magni

Libro: Copertina morbida

editore: Bloodbuster

anno edizione: 2017

pagine: 224

Negli anni Ottanta la cinematografia di genere in Italia riesce a trovare una nuova via di sviluppo, individuando nella contaminazione la ricetta per la produzione di nuove pellicole. Il cinema fantastico italiano diventa allora una sorta di cinema/collage, in cui elementi presi dai grandi successi esteri del periodo vengono mixati più o meno (meno, soprattutto) brillantemente, creando curiosi ibridi: rambi vengono inseriti in ambienti postatomici, Alien sbarca sulla terra creando apocalittici scenari alla George Romero, i guerrieri della notte si ritrovano nella futuribile New York carpenteriana di Jena Plissken, Conan incontra Mad Max, in un gioco di ricalchi e scopiazzature frullate e somministrate a velocità allucinante. Perché dedicare un volume proprio a quel periodo e a questo genere, allora? Perché è stato l'ultimo, a suo modo coraggioso, periodo di vita del cinema di genere in Italia. Un periodo che, tutto sommato, ricordiamo con grande piacere e a cui ci sembra doveroso rendere tributo.
13,00

Mille peccati... nessuna virtù?

Sergio Martino

Libro

editore: Bloodbuster

anno edizione: 2017

"Questa è la storia del lavoro di un "regista trash emerito", come mi diverte considerarmi ora, cercando di bilanciare gli insulti dei critici all'uscita dei miei film, negli anni Settanta e Ottanta, e gli osanna delle nuove generazioni che hanno potuto apprezzare in dvd i miei film e rivalutarli, il tutto grazie alla stima di Quentin Tarantino, Eli Roth, Jaume Balaguerò e altri autori e critici stranieri, bontà loro." (Sergio Martino). "Con Sergio Martino farete una cavalcata unica attraverso tutti quei generi un tempo sottovalutati, perché Sergio li ha sperimentati tutti, dalla grande avventura ambientata in tutti i continenti alla fantascienza, al giallo, alla leggerezza delle commedie, ai film a episodi, alle serie tv. E vi racconta i set, la gente che ci ha lavorato, le atmosfere di quei fantastici decenni in cui producevamo 350 film all'anno: ne partiva uno al giorno e li vendevamo in tutto il mondo a scatola chiusa. E avrete anche il punto di vista di un protagonista degli anni d'oro del cinema italiano. Un libro sorprendente, insieme romanzo e documento." (Ernesto Gastaldi). Con 32 pagine di foto dall'archivio personale di Sergio Martino.
25,00

Luc Merenda. La mia vita a briglie sciolte

Libro: Libro rilegato

editore: Bloodbuster

anno edizione: 2017

Luc Merenda è stato uno dei commissari più amati del cinema poliziesco italiano degli anni '70. A differenza di altri "commissari di ferro", però, non è rimasto intrappolato nel personaggio e ha continuato la sua carriera nel cinema fino alla fine degli anni '80 frequentando con disinvoltura qualsiasi personaggio in qualsiasi genere gli venisse proposto, dal western alla commedia, dal dramma erotico al giallo. Ex modello, con una fisicità adeguata e una simpatia naturale, Luc non ha mai avuto nessun problema con nessun ruolo. L'ultima sua comparsata è nel film di Eli Roth «Hostel 2» (2007), in compagnia dei vecchi amici Edwige Fenech e Ruggero Deodato.
25,00

Il bianco spara! (autobiografia)

Enzo G. Castellari

Libro: Copertina rigida

editore: Bloodbuster

anno edizione: 2016

pagine: 608

29,00

Mr. Mah-Nà Mah-Nà. Piero Umiliani e la sua musica

Gianluca Tosi

Libro: Libro in brossura

editore: Bloodbuster

anno edizione: 2016

pagine: 160

35,00

A volte ritornano. Guida alle saghe dell'horror cinematografico moderno

SEQUEL

Libro: Libro in brossura

editore: Bloodbuster

anno edizione: 2016

pagine: 256

Alzino la mano quanti di voi sanno esattamente di quanti film è composta la serie di Hellraiser. E quanti sanno qual è il titolo del quarto episodio della saga di Grano rosso sangue? E qual è l'esatta cronologia delle pellicole dedicate a Maniac Cop? E cosa sono, in realtà, La Casa 3, 4, 5 e 7? E che fine ha fatto La casa 6? E Bloodbuster firma una guida facilmente consultabile, che possa aiutare tutti gli appassionati di cinema horror a districarsi anche tra le serie cinematografiche più impervie, tra sequel, prequel, remake e reboot.
15,00

Maurizio Merli. Il poliziotto ribelle

Fulvio Fulvi

Libro: Libro in brossura

editore: Bloodbuster

anno edizione: 2014

pagine: 160

Maurizio Merli, il commissario di ferro e il poliziotto senza paura, cinico, violento, ribelle. Lo sbirro solitario, scomodo e rabbioso che se ne infischia delle regole ma che vuole far bene il suo mestiere, menando cazzotti da tutte le parti, sotto un cielo di piombo, sparando con la pistola d'ordinanza e, se necessario, mettendo in atto qualche innocente mascalzonata pur di non lasciare impunito un criminale. Reazionario? No, "soltanto un figlio di mignotta all'americana". Sotto quella dura scorza di sbirro si nascondeva un uomo sensibile. Quello che ci interessa di più, in queste pagine, è il Merli uomo e attore, illuminarne la personalità, soprattutto attraverso le testimonianze di chi lo ha incontrato e conosciuto direttamente nella sua breve vita. Com'era Maurizio Merli nel privato? La sua vita è come un film e noi, qui, cercheremo di raccontarvela. Prefazione di Anton Giulio Mancino.
12,00

Voglia di guardare. L'eros nel cinema di Joe D'Amato

Antonio Tentori

Libro: Libro in brossura

editore: Bloodbuster

anno edizione: 2014

pagine: 160

"Ho conosciuto Aristide all'inizio del 1991. Era un grande del cinema ed è veramente riduttivo isolarlo nel solo cinema erotico. Lavorare con lui è stato molto coinvolgente, lo ricordo con piacere e molta nostalgia. Aristide era un uomo di cinema completo, sapeva fare tutto e non si fermava mai, aveva un'energia incredibile. Insieme ci siamo fatti un sacco di risate, perché era uno con la battuta sempre pronta. Un uomo buono, generoso. Un regista, a mio avviso, che non è stato ancora (ri)scoperto completamente. Anche se lui, da persona fin troppo umile quale era, avrebbe minimizzato. E si sarebbe fatto una delle sue belle risate." (Antonio Tentori)
12,00

Wild Angels. Dizionario dei biker movies

Manuel Cavenaghi

Libro: Libro in brossura

editore: Bloodbuster

anno edizione: 2014

pagine: 224

Montate in sella per un viaggio in uno dei filoni più oscuri del cinema exploitation: i motociclisti del grande schermo non sono stati solo i ribelli on the road di "Easy Rider", ma anche, e soprattutto, i centauri sbandati e violenti modellati sulle leggende che circondano i moto club illegali. Tra gli anni Sessanta e Settanta, sulla scia del successo de "I selvaggi" di Roger Corman, i drive-in americani sono stati invasi da più di cinquanta bizzarre pellicole a base di duelli all'ultimo sangue, party sfrenati, incredibili chopper e bellissime ragazze. Dai biker di "Facce senza Dio" e "Satan's Sadists", talmente brutali che farebbero impallidire quelli di "Sons of Anarchy", fino ai motociclisti licantropi di "La notte dei demoni", passando per le gang di sole donne di "She-Devils on Wheels" e quella di afroamericani di Black Angels; senza dimenticare i veri Hell's Angels, immortalati sulle loro Harley-Davidson in film di culto come "Angeli dell'inferno" sulle ruote e "Angeli della violenza".
25,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.