| P. 5
Vai al contenuto della pagina
Iscriviti alla newsletter

Zona

Numeri dei matti

Numeri dei matti

Paolo Gentiluomo

Libro: Libro in brossura

editore: Zona

anno edizione: 2021

pagine: 76

I testi raccolti e rielaborati in questo volume sono legati a forme di scritture teatrali o performative: la prima parte rimaneggia e mette insieme testi concepiti per il Collettivo di pronto intervento poetico Altri Luoghi e altri testi utilizzati nei tre varietà patafisici allestiti dall'autore tra il 2009 e il 2011 ("Mosche bianche e pecore nere", "Sia disfatta la tua volontà" e "Il gioco della via trucis"). I testi delle due appendici sono frutto di collaborazioni: la prima con la coreografa Aline Nari, la seconda con l'artista Emanuele Magri.
12,00

Un mese di lockdown per cominciare

Federico Pier Maria Sanguineti

Libro: Libro in brossura

editore: Zona

anno edizione: 2021

pagine: 67

"Federico Sanguineti, con micidiale lucidità e una, oggi, scandalosa ostentazione d'amore per la vita (Amore fisico, terreno, più che mai concreto) ci consegna in questi pochi versi un autobiografico riassunto sommario della catastrofe che tutti ci ha investiti, ricostruendone, lato per lato, il prisma emotivo che lo costituisce con annessi corollari di una politica planetaria giunta al suo punto esiziale". (dalla postfazione di Aldo Nove)
12,00 11,40

Pensierie

Barbara Crepaldi

Libro: Libro in brossura

editore: Zona

anno edizione: 2021

pagine: 80

"Barbara ci racconta l'apparentemente semplice esperienza della vita attraverso le ali dell'amore e la parola quotidiana, misurata, senza addobbi. Ci ricorda la scelta di ogni giorno, per l'esistenza, per la presenza consapevole. Barbara ci fa entrare a contatto con la natura e con l'altro. Ci narra del bisogno dell'altro in ciascuno di noi, e contemporaneamente del fatto che non siamo mai soli. E che possiamo chiedere. Basta - riprendo alcuni titoli delle sue poesie - Un piccolo gesto o Le mani tese, pronte a dare e pronte a ricevere". (dalla prefazione di Antonella Cecilia Fiori).
12,00 11,40

Fare musica. Discografia, piattaforme, tecnologie

Marco Tesei

Libro: Libro in brossura

editore: Zona

anno edizione: 2021

pagine: 136

In questi ultimi anni la musica e la sua diffusione stanno vivendo accelerazioni inedite, mai registrate prima, che investono tutti gli aspetti della creazione, dell'esecuzione e dell'ascolto, ma anche del mercato e dei modelli di marketing. La spiegazione la conosciamo bene: le tecnologie e la loro rapida e continua innovazione sono alla base di questa metamorfosi, che produce effetti a catena tanto veloci da impedire spesso persino valutazioni compiute. Questo libro parla dell'evoluzione della discografia, delle major, delle etichette indipendenti, di download, di Spotify e di come lo streaming abbia rivoluzionato l'industria musicale. Comprendiamo così quali aspetti hanno influito sull'affermarsi di nuove modalità di registrazione, riproduzione e fruizione del suono, attraverso storie e testimonianze di esperti, artisti e discografici: 42 Records - Enrico de Angelis - Asian Fake - Luca Benni - Gabriele Blandamura - Massimo Bonelli - Luca Bramanti - Bravo Dischi - Calcutta - Colapesce - Emiliano Colasanti - Coma_Cose - Cosmo - Riccardo De Stefano - Peppino Di Capri - Alberto Fortis - Franco 126 - Fernando Fratarcangeli - Fulminacci - Marco Gardellin - Gazzelle - Federico Guglielmi - La Clinica Dischi - La Grande Onda - La Tempesta - Machete Empire Records - Maciste Records - Milo Manera - Enrico Molteni - Michele Montagano - Filippo Palazzo - Matteo Palombi - Piotta - Roberto Razzini - Giordano Sangiorgi - Shablo - Gianni Sibilla - To Lose La Track - Tosca - Ultimo - V4V Records.
18,00 17,10
Io brigatista rosso

Io brigatista rosso

Vito Molinari

Libro: Libro in brossura

editore: Zona

anno edizione: 2021

pagine: 160

Quando inizia questa storia, nel 1969, il protagonista ha solo sedici anni, è un ragazzo ligure non troppo informato e avvezzo di politica. Annota in un quadernetto, una sorta di personalissimo "libretto rosso", vicende di cronaca legate alla violenza: dalle stragi di stato alla mafia, dagli attentati di destra a quelli di sinistra, ai tanti misteri che segnano la vita politica e sociale italiana del suo tempo. Seguendo un amico, frequenta un raduno di cattolici del dissenso a Chiavari e nel 1970 l'assemblea nazionale di Pecorile, dove nacquero le Brigate Rosse. Quasi senza averne piena consapevolezza, comincia a collaborare con loro, pur essendo contrario alla violenza e all'uso delle armi, fino ad avere un ruolo nel sequestro di Aldo Moro. Entrato in crisi, chiede di abbandonare. Come sarebbe stata la sua vita se non si fosse dissociato? La risposta è nel racconto di questo libro, che narra proprio quella stagione della sua vita, un incubo per lui e per tutto il nostro paese.
18,00

Poesie scelte

Dario Meneghetti

Libro: Libro in brossura

editore: Zona

anno edizione: 2021

pagine: 90

"Il "poeta immobile" che scrive con lo sguardo alla sua terza raccolta / "La poesia di Meneghetti è un'esemplare risposta a una condizione estrema di vita" / Questo libro è strutturato in tre sezioni. Nella prima la scena è dominata dall'io, un'obbligata spirale egotica in cui la condizione di immobilità dovuta alla malattia dell'autore non assurge neppure a figura dell'anima: è pura condizione materiale, e i rari momenti consolatori appaiono come dichiaratamente illusori. Il tema della malattia si stempera nella seconda sezione, con l'apertura dello sguardo ai percepta del mondo, spesso resi liricamente efficaci dal loro impiego allegorico. L'estro inventivo di Meneghetti si dispiega poi in modi sorprendenti nella terza sezione, dove la lingua si allontana dallo standard e il poeta si fabbrica un suo idioletto, fatto di deformazioni lessicali, eccentrici impasti di veneziano, romanesco, napoletano, grafia e punteggiatura arbitrari fino a sconfinare, a tratti, nel grammelot". (Dall'introduzione di Marco Berisso e Guido Caserza)
12,00 11,40
Identità e oltre. Migrazione e cultura italoamericana

Identità e oltre. Migrazione e cultura italoamericana

Peter Carravetta

Libro: Libro in brossura

editore: Zona

anno edizione: 2021

pagine: 280

Questo libro affronta il problema dell'identità culturale ed etnica degli italiani d'America tramite ricerche letterarie, filosofiche, storiche e di critica sociale. Peter Carravetta scava nella complessa matassa di un exodus storico - quando un quinto della popolazione italiana abbandonò il paese per altre destinazioni, tra il 1880 e il 1914 - e pone domande perturbanti: cosa resta dell'origine? Che ne è della memoria dell'emigrazione? Come viene rievocata, fuori dai soliti logori stereotipi, dagli scrittori di oggi? Chi determina chi siamo? Fin dove si può ancora rivendicare un'identità nazionale, o etnica, come tratto essenziale e non contingente? E quand'è che questa identità cessa di manifestare i propri tratti storici (anche nelle sue varie ricostruzioni) per essere frammentata e assorbita in una società virtuale post-identitaria, trans-nazionale? Nella seconda parte del libro, l'autore prende in esame e offre alla nostra conoscenza l'opera di numerosi scrittori e poeti italoamericani contemporanei, poco noti al pubblico italiano malgrado le notevoli qualità di ciascuno, e propone altresì un nuovo modello interpretativo - che definisce "critica topologica" - ad alcuni dei paradossi critici e culturali del complesso rapporto di oggi tra identità, storia e migrazione, passando dallo snodo cruciale della lingua letteraria. "Identità e oltre è un'opera particolarmente tempestiva, oggi che milioni di profughi, migranti ed esiliati abbandonano il concetto e la realtà falliti dello stato-nazione. Che ci ricorda che fa parte nella natura umana l'attraversare frontiere e confini, siano essi fisici, politici o culturali. Che cosa rimane dopo che l'identità è stata de-centrata, de-tronizzata, de-mistificata? Una antica verità: siamo tutti migranti e solo nell'abbracciare l'altro possiamo diventare integralmente umani. Un esito cruciale della critica e dell'impianto teorico di Carravetta, che parecchio contribuisce a rendere gli italiani e gli italoamericani più comprensibili gli uni agli altri". (Stanislao G. Pugliese) "Peter Carravetta traccia le coordinate dell'odierna condizione del migrante come risultante della globalizzazione dell'economia capitalista e dei tragici, interminabili dislocamenti geopolitici della popolazione umana. Questa sensibilità costituisce il fondamento morale e teorico su cui edificare una nuova consapevolezza, prospettiva favorevole per esplorare le sfide e le opportunità di una esperienza post-identitaria. Questa è una investigazione di prim'ordine ed espressione, al tempo stesso, di un pensiero italoamericano creativo". (Martino Marazzi)
20,00
Il vento del libero arbitrio

Il vento del libero arbitrio

Vittoria Ronchi

Libro: Libro in brossura

editore: Zona

anno edizione: 2021

pagine: 110

In questi racconti si alternano memorie e situazioni dell'infanzia e della prima giovinezza dell'autrice - romana di nascita - e accadimenti di fantasia, o presi a prestito dalla realtà, ambientati nella sua terra d'adozione, la Spagna e in particolare l'Andalusia. In tutti prevale un forte senso di libertà, insieme alla consapevolezza che in ogni nostro gesto e in ogni nostra scelta - improntata al libero arbitrio - sia connaturata la responsabilità personale nei confronti di noi stessi e della nostra comunità. "Figlio e nipote di pescatori, José sapeva a malapena leggere e scrivere, e solo perché suo padre lo aveva costretto a frequentare la scuola fino a che il suo corpo non era diventato abbastanza forte per affrontare il mare: da quel momento aveva cominciato a lavorare nella flotta peschereccia del paese in cui era nato e cresciuto, e dove ora stava invecchiando. Come suo nonno e suo padre, aveva imparato a decifrare con precisione il linguaggio del vento, delle maree e delle stelle: questo gli bastava a esser certo che quella notte non si annunciava tormenta, e che dunque il frastuono che lo aveva svegliato di colpo non era di tuoni...".
14,00

La storia di Larry

Dante D'Agrosa

Libro: Libro in brossura

editore: Zona

anno edizione: 2021

pagine: 480

Nell'America degli anni Cinquanta, Larry - per un tragico scambio di persona - viene accusato di aver trafugato un'ingente somma di danaro al proprio datore di lavoro. La fidanzata Audrey viene trascinata inconsapevolmente nella vicenda. I due, per uno strano gioco del destino, vivono una storia parallela, a tratti pericolosa e, talvolta, senza vie d'uscita. Nel loro peregrinare, vengono travolti da un assurdo dedalo di vicissitudini e intrecci, che i due narrano in prima persona e contro i quali lottano strenuamente, per far emergere la verità dagli equivoci di cui sono vittime e ritornare così alla propria vita. "Sul capo ha radi capelli scuri, le tempie sono completamente bianche. Occhiali neri e spessi coprono quasi totalmente il viso magro. È cieco. Suona un vecchio motivo, My Old Kentucky Home, con tale passione da coinvolgere l'animo nel profondo. C'è qualche ragazzino seduto per terra, fermo ad ascoltare. Alcune donne sono affacciate ai balconi, mentre altre attempate signore, sedute su seggiole bisunte, lo accompagnano con la loro caratteristica voce un po' roca. Raggiungo l'artista senza preoccuparmi di nulla; mi siedo accanto a lui, rapito da quelle dita nodose che vanno su e giù sui bottoni dell'ottone. Che magia! Appena finisce di suonare si rivolge a me: - Pensi di aver perso tutto, figliolo? Oggi è il giorno in cui puoi ritrovare la strada, ritorna a casa. Torna alla tua vita".
19,90 18,91
L'esorcismo del contagio. Pagine da un'auto-quarantena morale

L'esorcismo del contagio. Pagine da un'auto-quarantena morale

Dino Murgolo

Libro: Libro in brossura

editore: Zona

anno edizione: 2021

pagine: 154

"La realtà è una rete di relazioni... Non viviamo nel peggiore dei mondi possibili, dobbiamo solo prenderci cura del mondo che c'è". Un pamphlet congegnato in modo assai originale, in cui acute e colte riflessioni sulla pandemia da Coronavirus si alternano a corrispondenze e interazioni personali con amici e conoscenti. Tutto dalla distanza di un'auto-quarantena nella quale l'autore si è posto già dal 2015, come forma di distacco, se non vero e proprio rigetto, da un mondo che ha seppellito l'etica e dal resto della specie umana, che lavora infaticabilmente alla propria distruzione. "Il Coronavirus si è infilato chirurgicamente nei nostri circuiti cerebrali prima che nei nostri alveoli polmonari, e ci impartisce, sempreché impariamo, alcune lezioni. Che avremmo dovuto già conoscere ma che, da tempo, abbiamo avuto la sufficienza di non ripassare o la presunzione di contestare a noi stessi. (...) Aspettiamoci - dunque, adoperiamoci a contenere e a prevenire - le future prossime crisi pandemiche indotte dalla globalizzazione, non solo sanitarie: climatiche, alimentari, demografiche, finanziarie, occupazionali, eccetera. Molte di queste, da molto tempo, sono sotto ai nostri occhi, ma molti di noi, perfino molti di coloro che ne subiscono le conseguenze, si ostinano a non vederle o, per paradigma corrente, si affidano allo stesso pensiero politico che ne ha favorito le cause e ne riscuote i dividendi. Urge un nuovo risorgimento umano, autenticamente liberale e profondamente democratico".
16,00
Lazarillo de Tormes

Lazarillo de Tormes

Libro: Libro in brossura

editore: Zona

anno edizione: 2021

pagine: 80

Questo numero monografico della rivista «Cabirda» è dedicato alla traduzione in lingua genovese di un classico della letteratura spagnola, a buon titolo parte del canone della letteratura mondiale. Si tratta del romanzo Lazarillo de Tormes, un testo anonimo pubblicato nel Cinquecento, che narra le tribolazioni di un giovane popolano. Un testo importante per diverse ragioni, giacché anticipa il nucleo centrale di tanta letteratura moderna. Per ritrovare la stessa intensità nel descrivere senza paternalismi la crescita di un ragazzo delle classi subalterne bisognerà aspettare qualche secolo, con i ragazzi narrati da Charles Dickens e Mark Twain e con l'imporsi del romanzo popolare. Il testo si inserisce in una tradizione, all’epoca, ancora minore e rarefatta di narrazioni di tono leggero, furbesco e talvolta popolareggiante, che in forme diverse conobbero esiti in varie parti d’Europa, dà l’abbrivio alla fortuna del romanzo picaresco e ne resta esempio emblematico, capace di oltrepassare i secoli e le lingue. Prefazione di Anselmo Roveda.
11,00
La felicità dentro

La felicità dentro

Marisa Botto

Libro: Libro in brossura

editore: Zona

anno edizione: 2020

pagine: 120

Poesie che scandagliano il sentimento con un ritmo lento e lontano dal clamore, dal rumore del mondo, per concentrarsi sul proprio sentire, dove le parole diventano respiro e si incatenano tra loro, con molta maestria, per definire i passi che portano alla felicità. Quella più personale, intima, "dentro", dove trovano riparo le insicurezze, i dolori, le inquietudini. Marisa Botto ci regala una silloge compiuta, fatta di scrittura vivida, a volte improvvisa, immediata, lancinante, nel verso breve e carico di colori e immagini, di senso che declina talvolta a una confessione, il sussurro di un sentimento che si coglie forte, duraturo, convinto. Le poesie sono frammenti che ricostruiscono il mondo sentimentale dell'autrice, una felicità del vivere che si può esprimere solo "dentro", perché quanto è fuori potrebbe deturparla, illuderla, svaporarla.
14,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.