Danza e altre arti dello spettacolo

Tango a modo mio

Tango a modo mio

Aldo Salvottini

Libro: Copertina morbida

editore: Edizioni del Faro

anno edizione: 2022

pagine: 89

Questo libro esplora gli aspetti più comuni del tango. Tutto viene trattato con semplicità e ironia. Non mancano spunti di vita vissuta ed esperienze di apprendimento. La formula è quella della leggerezza. L'autore non prende mai troppo sul serio quello che analizza e spesso pone come interlocutore proprio il lettore. Vengono passati in rassegna gli argomenti più eterogenei: dall'abbraccio alla camminata, dall'insegnamento nelle scuole di tango ai consigli per la milonga.
13,00
Tango jazz. Storia caratteristiche protagonisti

Tango jazz. Storia caratteristiche protagonisti

Luca Aletta

Libro

editore: Youcanprint

anno edizione: 2022

pagine: 40

Il Tango e il Jazz, due generi apparentemente lontani, sono accomunati da caratteristiche molto simili: le origini africane, la diffusione nei quartieri malfamati o nelle case d'appuntamento, il contributo degli immigrati italiani ad entrambi i generi, e così via. Il libro ripercorre le tappe storiche del Tango, dalle origini ad oggi, dando particolare attenzione all'incontro con il Jazz, avvenuto soprattutto grazie ad Astor Piazzolla.
10,00
The choreographic novel. Il racconto di un processo artistico e di un incontro umano

The choreographic novel. Il racconto di un processo artistico e di un incontro umano

Marta Bevilacqua, Antonio Cioffi, Silvia Poletti

Libro: Copertina rigida

editore: Ephemeria

anno edizione: 2022

pagine: 120

Una coreografa in cerca di una dimora dove dare tempo ai pensieri e lasciarli liberi di trovare una forma. Un organizzatore teatrale dalla sensibilità d'artista, pronto a comprendere appieno esigenze non dette e ad accompagnare per un tempo lungo - tre anni - un processo creativo che è anche esistenziale. "The choreographic novel" è il racconto di questo incontro, del perché Antonio Cioffi di Hangartfest e la coreografa Marta Bevilacqua si sono scelti e cosa hanno saputo costruire insieme. Al centro del volume l'illuminante diario di bordo dell'autrice diviso per i tre progetti, che rivela la complessità di tutte quelle sollecitazioni che nutrono un immaginario e danno sostanza al movimento e al corpo scenico. Ma anche, in controluce, un diario di crescita personale, di un fermento interiore pronto a trovare meditato sfogo nell'atto creativo. A corollario di questo processo creativo c'è traccia dello sguardo esterno di alcuni testimoni privilegiati: una spettatrice di professione, il critico Silvia Poletti, e un gruppo di spettatori neofiti, che hanno còlto nei lavori dell'autrice esattamente ciò che ella voleva raccontare, scoprendo l'efficacia della danza come espresione.
18,00
Ars magica

Ars magica

Iacopo Riani

Libro: Copertina morbida

editore: Tra le righe libri

anno edizione: 2022

pagine: 123

La magia può essere definita come l'arte di ingannare il pubblico, ma questa definizione è fortemente riduttiva perché tralascia altri aspetti ugualmente importanti, quali la capacità di divertire, di stupire, di affascinare. D'altra parte non c'è dubbio che l'inganno è alla base di ogni effetto magico, ma si tratta di un inganno 'dichiarato', ché nessuno del pubblico può seriamente credere che il prestigiatore sia dotato di chissà quali poteri magici. È dunque un gioco delle parti nel quale l'uno mostra la propria abilità nell'ingannare l'altro e questi partecipa proprio per essere ingannato. I metodi per ingannare il pubblico sono molteplici e fanno uso spesso di suggestioni psicologiche realizzate con la gestualità, con la parola, con l'insieme degli attrezzi utilizzati. In questo libro l'autore analizza in dettaglio i movimenti e le posizioni da assumere volte appunto a creare le condizioni ottimali per ottenere il risultato auspicato.
18,00
Quelli di Orsara Jazz. Una storia pugliese

Quelli di Orsara Jazz. Una storia pugliese

Sergio Pasquandrea, Michele Ferrara

Libro: Copertina morbida

editore: Pietre Vive

anno edizione: 2022

pagine: 304

Orsara Jazz è stato uno dei più longevi festival italiani: dal 1990 al 2017, ha portato in un piccolo borgo montano dell'Appennino Dauno tanti protagonisti del jazz italiano, europeo e mondiale. Nato dalla passione di un gruppo di amici, si è trasformato negli anni in un efficace volano di sviluppo per un territorio difficile, isolato, lontano dai grandi flussi turistici. Una vera e propria scuola di crescita economica e civile, che a partire dal 2004 ha anche dato vita a seminari musicali di alta formazione (Orsara Jazz Summer Camp) organizzati in collaborazione con prestigiose istituzioni musicali europee ed americane. Il festival ha inoltre prodotto dischi, concerti, mostre, pubblicazioni di libri, in un'ottica culturale aperta. Questo libro, basato su un lungo lavoro di ricerca e di interviste, intende ricostruire l'esperienza di Orsara Jazz, preservarne la memoria, indicare una direzione di sviluppo. Nello stesso tempo racconta la storia di un'iniziativa che partita da zero è cresciuta ed ha coinvolto, negli anni, un'intera comunità.
20,00
L'italianissimo frutto

L'italianissimo frutto

Angelo Vecchi

Libro: Copertina morbida

editore: Il Babi

anno edizione: 2022

pagine: 272

Una ricostruzione delle origini della festa dell'uva molto diversa dalla leggenda corrente. Le vicende, i significati, il suo aspetto di passaggio epocale da una società ancora proto-industriale all'irruzione della modernità sono analizzati in questo saggio. Alla base della festa dell'uva, confluirono, piuttosto disordinatamente, spinte di ordine economico ma anche politico e ideologico. Essa offrì al fascismo il destro per raggiungere grandi masse che non potevano essere altrimenti coinvolte. Tuttavia, queste finalità erano ben camuffate e insaporite dal populismo, dal recupero di presunte tradizioni folkloriche e da orgogli campanilistici e contradaioli mai sopiti. Un inquadramento generale e una riflessione particolare sulla festa dell'uva a Borgomanero e nel Novarese, una festa per un'Italia povera, «quando si stava peggio», ma si stava... veramente peggio.
18,00
Vertical Dance: perceiving and creating space

Vertical Dance: perceiving and creating space

Wanda Moretti, Kate Lawrence, Margaret Wilson

Libro: Copertina rigida

editore: Ephemeria

anno edizione: 2022

pagine: 140

20,00
Il teatro delle marionette

Il teatro delle marionette

Heinrich von Kleist

Libro: Copertina morbida

editore: Il Nuovo Melangolo

anno edizione: 2022

pagine: 80

Torna in libreria in una nuova edizione rivista, aggiornata e illustrata, il leggendario testo di Kleist. Pubblicato nel 1810 nei "Berliner Abendblatter", "Il teatro delle marionette" affronta in forma di dialogo il tema della "grazia", inscrivendola in una provocatoria e sublime difesa della superiorità della marionetta su qualunque danzatore umano. Perché le volgari marionette degli spettacoli popolari sono "antigravi", non conoscono l'inerzia della materia e al pari degli elfi non hanno bisogno del suolo se non per sfiorarlo. Ma le marionette non sono per Kleist solo simbolo di grazia, ma di una dimensione altra di esistenza, sono l'ultimo capitolo della storia del mondo libera finalmente dal peso della coscienza che grava sull'uomo.
8,00
Biennale danza 2022. Boundary-less. Ediz. italiana e inglese

Biennale danza 2022. Boundary-less. Ediz. italiana e inglese

Libro: Copertina morbida

editore: La Biennale di Venezia

anno edizione: 2022

pagine: 471

Il catalogo della Biennale Danza 2022 si apre con le introduzioni del Presidente della Biennale di Venezia Roberto Cicutto e del Direttore Artistico Wayne McGregor. A seguire, Felicity Callard, professoressa di geografia umana all'Università di Glasgow, riflette sul concetto di Boundary-less nel suo saggio Modelli di sostegno. Il volume prosegue con una serie di interviste firmate da Uzma Hameed a Saburo Teshigawara, Rocío Molina, Trajal Harrell, Marrugeku (realizzata con Paul Kilbey) e Diego Tortelli. Ogni intervista è introdotta da alcune pagine che giocano sul concetto di confine, con trasparenze che invitano il lettore a guardare oltre la pagina. Vengono illustrati i percorsi artistici dei performer, che sono suddivisi secondo cinque diverse tipologie di less: Body-less (Teshigawara), Time-less (Molina), Space-less (Harrell), States-less (Marrugeku) e Other-ness (Tortelli). Dopo le motivazioni al Leone d'Oro alla carriera a Saburo Teshigawara e al Leone d'Argento a Rocío Molina, il catalogo continua con una sezione dedicata alle performance in programma. Gli spettacoli che compongono il 16. Festival Internazionale di Danza Contemporanea sono raccontati e descritti da fotografie, accurati crediti e note di regia, biografie degli artisti. Ciascun performer, inoltre, è stato invitato a rispondere a tre domande sul tema del Festival e sul significato di "senza confini" (boundary-less) nella danza. A richiamare l'assenza di limiti, la sezione presenta delle pagine che riprendono l'effetto dicroico del manifesto del Festival. Tre speciali installazioni arricchiscono il programma del Festival. Il catalogo documenta anche un'importante Collaborazione dedicata al famoso coreografo e danzatore statunitense Merce Cunningham: la proiezione del film di Tacita Dean e la performance EVENT, in cui i danzatori della Biennale College Danza affronteranno le coreografie di Cunningham, presentate in Piazza San Marco nel 1972, in occasione del 35. Festival Internazionale di Musica Contemporanea. La sezione del catalogo dedicata alla Biennale College Danza presenta i due spettacoli dei coreografi Edit Domoszlai e Matteo Carvone. Il volume presenta inoltre i giovani vincitori del bando della Biennale College Danza - Danzatori, di cui sono riportate le biografie. Il catalogo contiene le informazioni sul ciclo di film di Danza presente in cartellone e il programma di Workshop tenuti da coreografi internazionali. Il catalogo si conclude con il programma Day by Day del 16. Festival Internazionale di Danza Contemporanea.
35,00
Sogno o si spara?

Sogno o si spara?

Ernesto Iuorio

Libro: Copertina morbida

editore: Booksprint

anno edizione: 2022

pagine: 144

Vuole essere un omaggio a tutti i mastri pirotecnici che ci hanno lasciato precocemente e un omaggio alla pirotecnica, questa meravigliosa arte, al giorno d'oggi, un po' troppo denigrata e umiliata da chiesa, istituzioni e persone.
16,90
Flow. Contemporary Dance Research. Diario di viaggio nel mondo della Mart Dance Company: la scena, il palco, le coreografie. La scuola, le tecniche: dalla danza contemporanea. al modern fino al balletto classico

Flow. Contemporary Dance Research. Diario di viaggio nel mondo della Mart Dance Company: la scena, il palco, le coreografie. La scuola, le tecniche: dalla danza contemporanea. al modern fino al balletto classico

Marco Auggiero

Libro: Copertina morbida

editore: Pulcinella

anno edizione: 2022

pagine: 140

Obiettivo del libro è raccontare il percorso professionale di oltre 20 anni di lavoro e diffondere la passione per lo studio della danza coinvolgendo tutti gli stakeholder in gioco e gli appartenenti al mondo della danza. Sentivo l'esigenza di raccontarmi, di parlare della mia esperienza, del mio background, approfondendo come si è sviluppato il mio linguaggio creativo e la mia filosofia d'insegnamento. Credo che per un artista, che si avvia all'avanguardia e alla sperimentazione, sia fondamentale non perdere contatto con le origini, le tecniche e la disciplina della danza che i grandi maestri ci hanno trasmesso, non bisogna mai fare l'errore di dimenticare da dove si è partiti. In questo libro ripercorro tutte le tappe, il lavoro, la passione, la ricerca del mio metodo. Flow significa flusso. Prefazione di Martine Mattox.
18,00
Dalle piazza alle corti. Storie di giochi e spettacoli tra '700 e '800

Dalle piazza alle corti. Storie di giochi e spettacoli tra '700 e '800

Libro: Copertina morbida

editore: SAGEP

anno edizione: 2022

pagine: 216

Il volume presenta rare testimonianze iconografiche del '700 e '800, fra cui dipinti provenienti da alcune Residenze Reali Sabaude e preziosi manifesti del Fondo Incisa della Biblioteca del Seminario Vescovile di Asti. Fra i manifesti, alcuni rimandano al "circo" che proprio allora stava muovendo i suoi primi passi. Fra le opere documentate, da segnalare un importante teatrino di marionette risalente alla fine del XVIII secolo e una sezione del catalogo dedicata nello specifico alle lanterne magiche, alle scatole ottiche e ai fantascopi, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema di Torino.
25,00