Il tuo browser non supporta JavaScript!

Pianificazione regionale e di area

Mikrokosmos. Industrial production areas in an alpine urban countryside

Luca Zecchin

Libro: Copertina morbida

editore: List

anno edizione: 2018

pagine: 199

15,00

Il governo della città complessa. Verso una nuova formazione

Libro: Copertina morbida

editore: GUERINI E ASSOCIATI

anno edizione: 2018

pagine: 128

Come si guarda e si interpreta oggi la città di fronte ai suoi problemi di gestione tecnica e amministrativa? In un tempo di incertezza politica, di frammentazione istituzionale e di dispersione urbana, sempre più le amministrazioni pubbliche sono chiamate a confrontarsi con molte questioni di management che riguardano le città in relazione a temi socio-economici, di mobilità e di abitabilità urbana. Il volume, promosso dalla Fondazione Dioguardi ed esito delle attività di un gruppo di ricerca del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani e del Dipartimento di Ingegneria Gestionale del Politecnico di Milano, indaga diversi aspetti dei problemi e delle sfide della gestione urbana e rappresenta un'occasione per sviluppare un ragionamento sulle competenze che gli enti locali dispiegano nelle politiche urbane; al tempo stesso emerge dall'indagine la necessità di sviluppare nuovi percorsi formativi di urban management, ancora inediti in ambito europeo e internazionale, finalizzali a ripensare la città, in risposta ai dilemmi transcalari posti dallo spazio urbano contemporaneo: dal degrado delle periferie, alla sostenibilità sociale e ambientale, ai nuovi stili di vita. Premessa di Alessandro Balducci, Introduzione di Gianfranco Dioguardi.
16,00

L'ultimo capitolo della città pubblica. I quartieri 167 e la costruzione delle periferie metropolitane. Cagliari 1962-1992

Valeria Saiu

Libro: Copertina morbida

editore: List

anno edizione: 2018

pagine: 185

Negli anni del grande spreco edilizio, con Legge 167 si scrive in Italia l'ultimo grande capitolo della "città pubblica" e si avvia un inedito e complesso intreccio tra intervento pubblico e operazioni immobiliari private. Cagliari, che presenta i tipici tratti della città meridionale, con tutte le similitudini e i suoi elementi peculiari, si offre come un osservatorio sulle contraddizioni e il senso di queste operazioni su cui si fonderà la costruzione del nucleo dell'attuale città metropolitana. Il libro propone uno sguardo trasversale sulle politiche, gli strumenti e le relazioni tra fenomeni sociali e trasformazioni dello spazio urbano, attraversando quattro dimensioni fondamentali del progetto: territorio-città-quartiere-comunità. È attraverso questa articolata struttura interpretativa che emergono i quartieri 167, non più periferie ma "centralità metropolitane" allo snodo di importanti relazioni territoriali. Nuove polarità da cui partire il ridisegno dell'assetto strategico del territorio e il progetto dei futuri paesaggi dell'abitare. Postfazione di Antonello Sanna.
15,00

Quando Napoli vola. Riflessioni e prospettive sull'Aeroporto Internazionale di Napoli

Libro: Copertina morbida

editore: Guida

anno edizione: 2018

pagine: 174

"Siamo il simbolo di una straordinaria opportunità per tutti: quella della dimensione globale. La nostra storia scritta e da scrivere è peculiare. Il luogo dove è ubicato lo scalo così vicino alla città e la sua trasformazione negli ultimi decenni da 'brutto anatroccolo' a "cigno". L'aeroporto sta contribuendo a connotare il territorio che serve. Si può fare ancora di più per lo sviluppo di Napoli e della Campania, per farlo abbiamo bisogno di farci conoscere di più, 'alleandoci' con le energie positive del nostro territorio. Volendo evitare l'autoreferenzialità, abbiamo deciso di lasciare ad altre voci, tutte autorevoli e portatrici di prospettive diverse, il compito di raccontare cosa è stato, cosa è e cosa potrà diventare il nostro aeroporto" (Carlo Borgomeo - Armando Brunini). Da quando nacque come "Campo di Marte" ai giorni nostri, guardando anche agli sviluppi futuri, questo libro rappresenta una carta di identità dell'aeroporto napoletano. Tra cenni storici, focus sugli aspetti economici e culturali del presente, visioni degli anni a venire, gli autori hanno messo a fuoco il rapporto dello scalo con la città, il contributo per lo sviluppo del territorio, le scelte infrastrutturali e architettoniche spesso all'avanguardia.
15,00

Green mobility. Come cambiare la città e la vita

Libro: Copertina morbida

editore: Edizioni Ambiente

anno edizione: 2018

pagine: 206

Il settore dei trasporti, all'intersezione tra innovazione tecnologica, politiche nazionali ed europee, logiche di mercato e stili di vita, ha una parte fondamentale in tutte le strategie di riduzione delle emissioni e dell'inquinamento. Tuttavia, se fino a poco tempo fa questo ruolo veniva pensato prevalentemente in termini di auto elettriche e sistemi di car sharing, oggi si sta diffondendo la consapevolezza che la nuova mobilità richiede anche un approccio diverso alla città e alla sua progettazione, dato che l'infrastruttura elettrica contribuisce alla (ri)definizione dello spazio urbano. La mobilità nuova - elettrica, oltre che connessa, condivisa, multimodale - è infatti parte delle nuove città che si stanno costruendo. Il volume, che include una serie di infografiche dedicate all'analisi della mobilità nelle principali città del nostro paese, è diviso in tre parti. La prima fa il punto sugli scenari di decarbonizzazione e sui loro rapporti con le politiche di riduzione delle emissioni e dell'inquinamento, e presenta gli ultimi sviluppi tecnologici in un settore, quello della mobilità elettrica, che spazia dalle biciclette agli autobus. La seconda illustra le esperienze di alcune città italiane all'avanguardia nella trasformazione e le mette a confronto con quelle, in certi casi già più avanzate, di altre metropoli europee e americane. L'ultima racconta invece delle trasformazioni degli stili di mobilità degli italiani, sempre più "multi-modali" in città e nei contesti extra-urbani.
20,00

Infrastrutture, logistica urbana, attività economiche e valore nel territorio. Il caso di Giugliano in Campania. Città metropolitana di Napoli

Libro: Copertina morbida

editore: Pearson

anno edizione: 2018

pagine: 159

Questo lavoro presenta i risultati di una ricerca sulle dinamiche relazionali, economiche e sociali nel territorio del Comune di Giugliano in Campania -Città Metropolitana di Napoli - analizzando il ruolo delle infrastrutture, della logistica urbana e delle attività economiche nella percezione di valore da parte della popolazione e dei principali stakeholder territoriali. La ricerca si basa su framework teorici di place management e di marketing territoriale identificando i driver che permettono al territorio e agli stakeholder territoriali di sopravvivere nel tempo, contro le difficoltà economiche, sociali e strutturali, anche al di là dell'efficacia e dell'efficienza del management territoriale. Si presenta lo stato dell'arte e si ipotizzano gli scenari evolutivi dell'area indagando sulla valorizzazione dei "luoghi" caratterizzati da connessioni sociali, tradizioni, storia e cultura locale, in grado di proporre e interpretare, allo stesso tempo, un concetto sistemico di valore del territorio e capacità adattiva. La partecipazione di ricercatori specializzati in economia, ingegneria e giurisprudenza ha reso il contributo multidisciplinare e il supporto di studiosi inglesi - ricercatori dell'lnstitute of Place Management di Manchester (UK) - ha arricchito la ricerca.
24,00

Le stagioni delle case popolari a Napoli. Un secolo di interventi pubblici in periferia

Sergio Stenti

Libro

editore: CLEAN

anno edizione: 2018

pagine: 30

Che la periferia del Novecento abbia bisogno di riparazioni e sviluppo non c'è alcun dubbio così come è evidente la sofferenza sociale causata dalla cessazione di adeguate politiche abitative statali, dal degrado della periferia e dalla mancanza di alloggi a basso fìtto per i poveri. Possedere una casa stabile e decente è stato per un secolo un forte desiderio sociale che lo Stato ha spesso esaudito ai meno abbienti secondo le sue diverse politiche e sensibilità sempre improntate a mitigare una discriminazione sociale non accettabile. Dare una casa a tutti, è stato l'obiettivo ideologico perseguito durante il secolo scorso ed è stato anche un importante tema architettonico incentrato sul miglioramento dello spazio domestico e sulla creazione fìsica e psicologica di condizioni civili per lo sviluppo sociale e comunitario, col quale si sono misurati grandi architetti e urbanisti. Dal rione Vittorio Emanuele III alle Vele di Scampia, il percorso delle case popolari a Napoli ha fatto grandi passi quantitativi ma pochi passi nella direzione del miglioramento abitativo e relazionale. Il racconto di ciò che è avvenuto nel Novecento nel campo dei quartieri serve non solo a capire meglio il rapporto architettura/società, con tutti i populismi e la xenofobia di oggi, ma anche a progettare efficacemente riparazioni, trasformazioni e sviluppo necessario, con una nuova attenzione a una partecipazione sociale che appare diffìcile ma indispensabile.
10,00

Del viaggio lento e della mobilità sostenibile. Itinerari, paesaggi, territori, esperienze

Simone Bozzato, Federico Massimo Ceschin, Gaia Ferrara

Libro: Copertina morbida

editore: Exòrma

anno edizione: 2018

pagine: 255

Nell'ambito degli Itinerari culturali, dei cammini e del viaggio lento e sostenibile il presente volume si colloca come primo "Libro bianco" sul tema. Una pubblicazione che approfondisce il quadro attuale e i sistemi di riferimento nazionali e internazionali, indica termini condivisi, affronta il tema dell'identificazione dei fruitori e propone criteri fondativi sui quali imperniare la progettazione degli itinerari e il loro sviluppo, offrendo linee guida che possono rappresentare un vero e proprio strumento operativo per addetti ai lavori e un'interessante lettura per gli appassionati del camminare lento. Gli autori gettano le basi per proseguire poi nella ricerca di metodi e contenuti che integrino e amplino il modello fin qui analizzato e sistematizzato. Un percorso verso scenari ancora da disegnare e futuri possibili, certi che la mobilità lenta e il turismo sostenibile siano paradigmi utili per ciò che il nostro Paese dovrebbe continuare a essere: un crocevia di culture, una cerniera tra l'Europa e il Mediterraneo, capace di riconoscere il ruolo cardine della bellezza nei propri percorsi di sviluppo. Questo libro è il frutto di un processo partecipato che ha mosso i suoi primi passi nell'ambito del progetto di cooperazione internazionale CultRoutes, per poi diventare una Board Nazionale degli Itinerari, delle Rotte, dei Cammini e delle Ciclovie. Con l'adozione delle Linee Guida redatte da "Cammini d'Europa", è iniziato un confronto attraverso tavoli di lavoro tematici che hanno sviluppato il Meeting annuale "All Routes Lead to Rome" e l'idea di "Verso Sud: Valorizzazione, Esperienza, Rete, Servizi, Ospitalità".
18,00

La prossima città

Libro

editore: MIMESIS

anno edizione: 2018

pagine: 827

Oggi metà degli abitanti del pianeta vive in città e si stima che nei prossimi 10 anni questa quota raggiungerà il 75% della popolazione mondiale; tale percentuale è già stata raggiunta in Europa, dove vi sono ben 468 città con almeno 100.000 abitanti. Le città occupano solo il 2% della superficie mondiale ma consumano i tre quarti delle risorse; allo stesso tempo le prime 25 città del pianeta producono metà della ricchezza dell'umanità. Le aree urbane europee consumano il 70% dell'energia dell'intera Europa, che genera il 75% delle emissioni di gas serra. Globalmente stiamo consumando in 282 giorni le risorse che il pianeta produce in 365. La soluzione di questi problemi richiede l'adozione di un "nuovo modello di città", di comunità locale, di fruizione della città e dei suoi servizi, che sappia coniugare innovazione, efficienza, sostenibilità, inclusione e sviluppo.
58,00

Governo del territorio e pianificazione spaziale

Luca Gaeta, Umberto Janin Rivolin, Luigi Mazza

Libro

editore: CittàStudi

anno edizione: 2017

pagine: 468

Per insediarsi e convivere stabilmente le società umane organizzano e controllano lo spazio. Devono cioè distribuire le attività e gli edifici che le accolgono, distinguere i luoghi destinati alle attività private da quelli destinati alle attività comuni, consentire gli spostamenti, regolamentare la costruzione di edifici e infrastrutture. Da sempre lo strumento usato per l'organizzazione e il controllo dello spazio è il piano. La pianificazione spaziale è dunque il sapere tecnico che elabora gli strumenti e le modalità di configurazione dello spazio: modelli insediativi, piani, parametri e regole d'uso del suolo, progetti. Il governo del territorio - espressione che dal 2001 ha sostituito il termine "urbanistica" nella Costituzione italiana - è il processo decisionale col quale il potere politico assegna i diritti d'uso e di trasformazione del suolo, servendosi della pianificazione spaziale. In un tempo d'incertezza e, per molti aspetti, di crisi della cultura della pianificazione spaziale, accademica e professionale, questo manuale mette in evidenza le ragioni e le funzioni sociali, economiche e istituzionali dei piani e dei sistemi di governo del territorio, e ne descrive criticamente caratteri e contenuti attraverso l'esame di casi italiani e stranieri, antichi e recenti.
45,00

Territori dell'abusivismo. Un progetto per far uscire dall'Italia i condoni

Libro: Copertina morbida

editore: DONZELLI

anno edizione: 2017

pagine: 377

Il volume fa il punto sul fenomeno dell'abusivismo edilizio nel Mezzogiorno, dopo un periodo di relativo silenzio degli studiosi sul tema, e avanza alcune proposte per l'innovazione dei progetti e delle politiche a esso rivolti. Alla base ci sono le riflessioni sviluppate nell'ambito di una rete di ricerca promossa e coordinata dai tre curatori con il sostegno della Società italiana degli urbanisti. I contributi ospitati nella prima parte del libro descrivono sotto angolature diverse lo sfondo in cui le pratiche dell'abusivismo e i suoi lasciti oggi si collocano. Uno sfondo per molti aspetti mutato rispetto al quadro entro il quale maturò la politica di condono edilizio nei primi anni ottanta, che richiede uno sforzo di rielaborazione critica degli assunti, delle possibilità e delle priorità dell'azione pubblica. Nella parte centrale, quattordici casi studio esplorano le articolazioni fisiche e sociali che l'edilizia non autorizzata ha prodotto nelle regioni meridionali. Un viaggio attraverso territori in cui si intrecciano problemi irrisolti, non di rado aggravatisi nel tempo, e nuove questioni riguardanti la transizione demografica, il dissesto idrogeologico, la crisi economica e ambientale.
35,00

La città «messa a fuoco». Territorio, società e lavoro nella fotografia della città metropolitana di Milano

Libro: Copertina morbida

editore: MIMESIS

anno edizione: 2017

pagine: 215

Il volume nasce da un progetto di ricerca collettivo intitolato "La città messa a fuoco. Dinamiche spaziali e metamorfosi socio-economiche dell'area metropolitana milanese (1950-1970) nelle collezioni fotografi che della Fondazione Isec". Tale progetto si è posto l'obiettivo di evidenziare come la ri-affermazione socio-economica e territoriale della Lombardia negli anni del "miracolo economico" si sia manifestata nell'area metropolitana milanese con particolare intensità e complessità. Nel breve arco di tempo considerato quest'area ha infatti dovuto ricombinare l'eredità multisecolare delle sue funzioni metropolitane con le opportunità di una crescita economica nuova per caratteristiche e intensità e con le inedite forme di mobilità sociale e spaziale a essa connesse. L'intento del progetto è stato inoltre quello di lavorare sulla valorizzazione di un particolare patrimonio culturale e sul recupero della memoria delle trasformazioni avvenute nell'ambito dell'area metropolitana milanese e della Lombardia. Il progetto intendeva infatti concentrarsi sul patrimonio fotografico conservato dalla "Fondazione Istituto per la Storia dell'Età Contemporanea" (Isec) di Sesto San Giovanni. Nello specifico, su due fondi conservati dalla fondazione: il fondo che raccoglie parte dell'archivio fotografico della redazione milanese dell'«Unità» e il fondo Odoardo Fontanella, che raccoglie il materiale iconografico del giornale della federazione milanese del Partito comunista italiano «Voce comunista». In ultima analisi il testo evidenzia il coinvolgimento di ambiti disciplinari differenti ma tra loro complementari: la geografia urbana e gli urban studies in senso lato, la storia del lavoro e delle donne nella realtà urbana, la pratica e la storia della fotografia, gli studi letterari. Tutti "sguardi" che hanno parlato delle immagini, delle rappresentazioni, delle narrazioni, dei paesaggi e delle diverse forme di restituzione della città.
20,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.